10 novembre 2016

Chi sono

"Ma tu che vuoi?! Chi sei? la mia coscienza?", disse il nano al gigante, io sono quel che ti sta sopra e ti sta dentro, sono il tuo tormento, io sono chi sta in basso e chi sta in cielo, dentro il tuo pensiero, il sono il vento ed il veliero, quasi come un mistero, io sono il baro che trucca le carte e ne chiede di altre, io sono il re e la sua regina, che smena ma non rima, io sono il verbo già col sottitolo, io sono…dentro, fuori, ovunque dappertutto, ma non mi trucco, e allora fai fatica, a vedermi veramente, io son già sparito, ma il gioco è divertente, se credi a quest'inganno… butta via le carte! Hai perso già in partenza, provaci con delle altre, ma se ti fermi con la mente e orchestri il tuo pensiero, sarò servitore e riverente, verso tutto ciò che sono, perché io non son nient'altro che un pazzo ed incosciente, sono quel che sono, né fulcro né sparviero, sono come un diamante, sepolto in fondo al mare, butta via le carte vienimi a pescare, provar non costa nulla, eccetto l'abbandono, di ogni illusione verso te stesso, e allor Io sono! E allor io sono…

Franco Magnani

0 commenti:

Posta un commento