14 maggio 2015

Il corpo

Parlavano di cibi e di botteghe, della nuova rimessa di Diver, della decadenza del rione e del corrispondente diminuire degli affitti, di come fossero loro piaciuti e spiaciuti certi film, della necessità ad ogni costo di starsene di buon umore.
«Non si deve pensare troppo alle cose.»
«Noi tutti pensiamo troppo.»
In generale mi secco a questo genere di osservazioni. Credo anzi che l’attività e l’applicazione siano alti attributi dell’uomo. Ho un attaccamento quasi feroce al sapere. Così che finalmente mi feci sentire; ma anche allora senza sapere ancora con esattezza come esprimere i miei pensieri. Devo aver detto: «Se nessuno si preoccupasse di pensare alle cose, non arriveremmo mai a niente.»
Madge rise: «Tuttavia, non è il caso che usiamo troppo le nostre teste, vero? Lasciamo che lo facciano quelli che vogliono, dico io.»

— William Sansom

0 commenti:

Posta un commento