22 luglio 2015

La battaglia

La notte stava per finire.
Era stato un sonno agitato, la mancanza di luce della sera prima aveva portato a cambiare i programmi e le strategie: il giorno che stava per sorgere poteva essere l'ultimo... di una vita solitaria.
Da tempo lo si attendeva, c'era stato un giuramento e quindi si doveva affrontare il proprio destino.
Molti l'avevano giá fatto naturalmente con esiti diversi; era logico, come poteva non esserlo: "o si vive o si muore" aveva proferito il suo miglior amico Carlo, che certo non "brillava" per ottimismo!
No. non doveva abbattersi: alle prime luci del giorno avrebbe affrontato il suo destino, avrebbe coraggiosamente visto, senza abbassare gli occhi e scappare, il nemico giallo!
L'avrebbe distrutto anche a morsi, se l'avesse potuto fare!
Si agitava nel dormiveglia, freddo di quella mattina d'autunno; la tenue nebbia s'attardava ancora tra i cespugli della campagna mentre il primo raggio di sole s'insinuava tra le tende. Era giunta l'ora, l'ora della veritá!
Si sveglió subito, con determinazione. lasciando i dubbi. le incertezze e i cupi pensieri tra le aggrovigliate coperte. E prima che passasse la sveglia era giá in piedi che si dirigeva verso la cucina: altri avevano giá fatto il caffé per l'esercito che doveva affrontare il grande giorno.
Bevuta una tazza fumante, si sentiva pronto ad affrontare il nemico. Attese qualche minuto. salutó e s'incamminó vero il teatro della battaglia.
Guardó davanti a se. con la fronte alta e lo sguardo coraggioso.
Il giallo nemico gli era davanti, era come se lo guardasse con aria di sfida, cosciente della propria vittoria della sera prima. Lui lo guardó con la coda dell'occhio stagliarsi, protervio lungo il profilo ...
Lo guardó allora con occhi di ghiaccio: lo sguardo diritto, determinato nell'animo. serró gli indici attorno a quel dispettoso foruncolo giallo sulla punta del suo naso e, con somma gioia, lo vide esplodere attraverso lo specchio del bagno! Finalmente ...
Adesso. qualche goccia di disinfettante e poteva felicemente affrontare senza problemi ed imperfezioni il giorno del suo matrimonio e l'esercito di parenti e amici, che intanto iniziavano ad arrivare...

Luciano Alberici

0 commenti:

Posta un commento