27 agosto 2015

Cesare Pavese

agenda letteraria
Il 27 agosto 1950, muore suicida a Torino Cesare Pavese


Quell'anno faceva tanto caldo che bisognava uscire ogni sera,
e a Ginia pareva di non avere mai capito prima che cosa fosse
l'estate, tanto era bello uscire ogni notte per passeggiare
sotto i viali. Qualche volta pensava che quell'estate non sarebbe
finita più, e insieme che bisognava far presto a godersela
perché, cambiando la stagione, qualcosa doveva succedere.

(La bella estate)

0 commenti:

Posta un commento