27 ottobre 2015

La voce fuori campo

Quando il bambino era bambino, se ne andava a braccia appese. Voleva che il ruscello fosse un fiume, il fiume un torrente, e questa pozza il mare. Quando il bambino era bambino, non sapeva d’essere un bambino. Per lui tutto aveva un’anima, e tutte le anime eran tutt’uno. Quando il bambino era bambino, su niente aveva un’opinione: non aveva abitudini, sedeva spesso a gambe incrociate e di colpo sgusciava via. Aveva un vortice tra i capelli, e non faceva facce da fotografo. […] Quando il bambino era bambino, per nutrirsi gli bastavano pane e mela, ed è ancora così. Quando il bambino era bambino le bacche gli cadevano in mano, come solo le bacche sanno cadere; ed è ancora così. Le noci fresche gli raspavano la lingua, ed è ancora così. A ogni monte sentiva nostalgia di una montagna ancora più alta, e in ogni città sentiva nostalgia di una città ancora più grande; e questo è ancora così. Sulla cima di un albero prendeva le ciliegie tutto euforico, com’è ancora oggi. Aveva timore davanti a ogni estraneo, e continua ad averlo. Aspettava la prima neve, e continua ad aspettarla. Quando il bambino era bambino lanciava contro l’albero un bastone, come fosse una lancia, che ancora continua a vibrare…
Il cielo sopra Berlino (1987)

1 commenti:

egill-larosabianca. ha detto...

Una parte di noi rimane innocente,perchè abbiamo
un anima,e in quale parte del nostro corpo si trova.La perdita di entusiasmo,fantasia,la capacità di sognare,farebbe di noi dei robot privi
della capacità stessa di ragionare-
Egill

Posta un commento