18 dicembre 2015

Robert Gernhardt

il sabato poesia

Bianco su bianco

Quando gonfio di pioggia
il grappolo dell’acacia,
candida di fioritura,
si curva a tal punto che l’accoglie
il piatto corimbo del sambuco,
non si sa, in tutto quel biancore,
chi pende e chi sorregge.
Tanto è chiaro: l’intrecciarsi
dei fiori bianchi è il puro
contrario di ogni dire,
interpretare o scrivere,
è pura evidenza. Nulla
da portar felici a casa,
bianco su bianco.

0 commenti:

Posta un commento