7 agosto 2015

Perdere

Ho difetti quanti bastano, ma voglio sperare che non siano difetti di intelletto. Quanto al mio carattere, non me la sentirei di raccomandarlo.
Direi che è troppo poco accomodante, almeno per l’onore del mondo.
Non sono capace di dimenticare presto, come dovrei, le follie ed i vizi degli altri, e nemmeno le offese fatte a me stesso.
I miei sentimenti non ubbidiscono ad ogni tentativo di suscitarli.
Ho un carattere che si potrebbe definire risentito.
E la mia stima, una volta persa, è persa per sempre.

— Dal libro “Orgoglio e pregiudizio“ - Jane Austen

2 commenti:

Gigliola Vegro ha detto...

I difetti degli altri li accetto e li dimentico, le offese fatte a me stessa non riesco a dimenticare, mi servono per migliorare ed accettare gli altri.

Silvano Bottaro ha detto...

Un comportamento saggio. :)

Posta un commento