Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Buonanotte del 31 agosto 2018

L'odore del mare gli piaceva tanto che avrebbe desiderato una volta averlo puro, non mescolato e in quantità tale da potersene ubriacare.
— Il profumo. Patrick Suskind

Oswaldo Guayasamin

Immagine
Dos Cabezas

Parlarne tra amici

Prima di lasciare il paese ho mandato una mail a Nick per dirgli che stavamo arrivando. Ho scritto: Melissa te l’ha certamente detto, volevo solo assicurarti che non ho l’intenzione di fare scenate. Lui ha risposto: ottimo, sarà bello vederti. Sono tornata più volte a fissare il messaggio, riaprendolo ogni volta per fissarlo di nuovo. Era talmente privo di qualsiasi tono o significato che mi ha mandata in bestia. Era come se, dal momento che la nostra relazione si era conclusa, Nick mi avesse retrocessa al mio precedente stato di conoscente. La storia poteva anche essere finita, ho pensato, ma una cosa finita è comunque diversa da una cosa che non è mai accaduta. In preda alla rabbia ho perfino iniziato a rovistare in mail e sms in cerca di «prove» della nostra storia, che si riducevano a un paio di noiosi messaggi logistici in cui lui diceva quando sarebbe stato di ritorno a casa e io a che ora pensavo di arrivare. Non c’era traccia di dichiarazioni d’amore appassionate o sms sessua…

Buonanotte del 30 agosto 2018

Io penso che l'arte, creando un'atmosfera intellettuale comune fra tutti i paesi, se non potrà coprire il mondo con le argentee ali della pace, almeno potrà rendere gli uomini abbastanza vicini l'un l'altro, così che non si renderanno schiavi per seguire il capriccio o la follia i qualche re o ministro.
— Oscar Wilde

Wassily Kandinsky

Immagine
Luna Evasion

Le cose dell'amore

Una sorta di rottura di sé perché l’altro lo attraversi. Questo è l’amore. Non una ricerca di sé, ma dell’altro, che sia in grado, naturalmente a nostro rischio, di spezzare la nostra autonomia, di alterare la nostra identità, squilibrandola nelle sue difese. L’altro, infatti, se non passa vicino a me come noi passiamo vicino ai muri, mi altera. E senza questa alterazione che mi spezza, mi incrina, mi espone, come posso essere attraversato dall’altro, che è poi il solo che può consentimi di essere, oltre a me stesso, altro da me? L’amore non è ricerca della propria segreta soggettività, che non si riesce a reperire nel vivere sociale. Amore è piuttosto l’espropriazione della soggettività, è l’essere trascinato del soggetto oltre la sua identità, è il suo concedersi a questo trascinamento, perché solo l’altro può liberarci dal peso di una soggettività che non sa che fare di se stessa. Per questo amore non è una cosa tranquilla, non è delicatezza, confidenza, conforto. Amore non è comp…

Buonanotte del 29 agosto 2018

Si crede che la felicità sia qualcosa di lontano e inaccessibile” pensava Francie “complicato e difficile da raggiungere. Eppure, qualche volta, basta poco per essere felici. Un posto in cui ripararsi quando piove, una buona tazza di caffè, una sigaretta, un libro quando si è soli o semplicemente trovarsi vicino alla persona amata. Tutto questo può rendere felici.
— Betty Smith, Un albero cresce a Brooklyn

Bengt Hakanen

Immagine
Red road

La pozzanghera

Immagine
Ricordo bene quella paura infantile.
Scansavo le pozzanghere,
specie quelle recenti, dopo la pioggia.
Dopotutto qualcuna poteva non avere fondo,
benché sembrasse come le altre.

Farò un passo e d’improvviso sprofonderò tutta,
comincerò a volare verso il basso
e ancora più in giù verso il basso,
verso le nuvole riflesse
e forse anche oltre.

Poi la pozzanghera si asciugherà,
si chiuderà su di me,
ed eccomi rinchiusa per sempre - dove -
con un grido non arrivato in superficie.

Solo in seguito ho capito:
non tutte le brutte avventure
rientrano nelle regole del mondo
e se anche lo volessero,
non possono accadere.

Wisława Szymborska

Buonanotte del 28 agosto 2018

La poesia ci aiuta a stare sulla terra e rappresenta l’unico cammino spirituale. Tuttavia , metà del piacere della poesia consiste nella sua ambiguità. Dare un nome ad un oggetto significa sopprimere tre quarti del piacere che una poesia può provocare… suggestione, è quello il sogno.
— Stéphane Mallarmé

Pierre-Auguste Renoir

Immagine
The Pear Tree, 1889

Il mare

Le mie voglie di baci e di parole sono una stanza molto grande dove siede assurdamente il cuore. Vale a dire, sopravvive. Nel taglio delle sue strane correnti. Il mio cuore. Cuore indomito, cuore pulsante. In questo mio tumulto del cuore, mentre aspetto, mentre ti aspetto, tutte le finestre sono aperte: entra la luce, entra il vento e sbatte gli scuri. In lontananza, il mare.
— Juan Gelman

Buonanotte del 27 agosto 2018

Ogni volta che lo riterrai opportuno, accendi un sogno e lascialo bruciare in te.

— William Shakespeare

Bruno Munari

Immagine
Negativo-positivo, 1951

Amori, libro primo

Quale mai sarà il motivo per cui i materassi mi sembrano tanto duri, e le coperte non vogliono star ferme sul mio letto, ed io ho trascorso l'intera notte, così lunga, senza prendere sonno, e a forza di voltarmi e rivoltarmi le ossa mi dolgono come fiaccate? Infatti, credo, mi accorgerei se fossi tentato da qualche amore - o forse esso si insinua in maniera subdola e astutamente procura danno con arte nascosta? - Sarà così: le frecce sottili si sono piantate nel mio cuore e Amore tormenta ferocemente il mio petto, del quale si è impadronito. Mi conviene cedere, oppure attizzare lottando questo fuoco improvviso? È meglio cedere: un peso ben sopportato diventa più leggero. Io stesso ho visto che, agitando una torcia, le fiamme ravvivate aumentavano, mentre, quando nessuno l'agitava, le fiamme si estinguevano: i buoi da poco catturati, mentre respingono il loro primo giogo, ricevono più colpi di quelli che accettano la fatica dell'aratro; al cavallo che recalcitra viene stra…

Buonanotte del 26 agosto 2018

[…] Solo che ci vuole del tempo per essere felici. Molto tempo. Anche la felicità è una lunga pazienza. E quasi sempre ci logoriamo la vita a guadagnare denaro, mentre bisognerebbe, col denaro, guadagnare il tempo. Questo è l’unico problema che mi abbia mai interessato. E’ preciso. E’ chiaro.
— Albert Camus - “La morte felice”

Heimo Zobernig

Immagine
Untitled, 2007

Oreste

Una parola d'amore ci resta sempre chiusa in bocca, non detta, è come un sassolino nel sandalo, o un chiodo: non ti va di fermarti a levarlo, di sciogliere i laccetti, di far tardi - ormai ti domina il ritmo segreto del cammino, più forte del disagio del sassolino, più del richiamo ostinato della tua stanchezza o di un rinvio; c'è anche una fiera, appuntita esultanza, un ricordo che il sassolino viene da una riva che ami, da una bella passeggiata con piacevoli pensieri, con immagini d'acqua - quando s'udivano dalla taverna in riva al mare le parole dei mercanti di tabacco insieme alla canzone dei marinai e alla canzone del mare lontano, lontano, perduto, vicino, estraneo, nostro.
— Ghiannis Ritsos

Buonanotte del 25 agosto 2018

Dove ci sono speranze, ci sono ostacoli.

— (H. Murakami)

George Morrison

Immagine

Erich Fried

Immagine
Soltanto non...

La vita sarebbe forse più semplice
se io non ti avessi mai incontrata.
Meno sconforto ogni volta che dobbiamo separarci
meno paura della prossima separazione
e di quella che ancora verrà.
E anche meno di quella nostalgia impotente
che quando non ci sei pretende l'impossibile
e subito fra un istante e che poi giacché
non è possibile si sgomenta e respira a fatica.
La vita sarebbe forse più semplice
se io non ti avessi incontrata.
Soltanto non sarebbe la mia vita.

(da È quel che è, Einaudi, 1988 – Traduzione di Andrea Casalegno)

Buonanotte del 24 agosto 2018

Dio mio, se avessi uno scampolo di vita, non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che le amo. Direi ad ogni uomo e ad ogni donna che sono i miei prediletti e vivrei innamorato dell'amore. Mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.
— Gabriel Garcia Marquez

Paul Klee

Immagine
Spiralscheibenbluten, 1932

Guardiamoci negli occhi

Scrivo tutto questo senza un minimo di soddisfazione. Nessuna. Vorrei che ci fosse in Italia un normale partito di sinistra, come Syriza o come la Linke, e invece ci ritroviamo con questo sgorbietto utile a far fare un ultimo giro di giostra a una classe dirigente arrivata al capolinea più o meno nel 2011. Vorrei che ci fosse in Italia un vero partito conservatore, come la CDU o come il Partido Popular, e invece ci ritroviamo con una cosa a metà tra Moira Orfei e Alba Dorata. Tutti i paesi europei fanno i conti con movimenti estremisti, populisti, anti-immigrati, eccetera, ma noi siamo gli unici in cui questi movimenti contano tutti insieme – M5S più Lega più FdI – quasi il 50 per cento dei voti, secondo i sondaggi. Quasi il 50 per cento. Per cui senza dubbio questa è l’offerta politica che ci meritiamo e che avrà la meglio il 4 marzo: e d’altra parte non vedo a sinistra e a destra del PD tutto questo struggersi davanti alla scheda elettorale.
— Francesco Costa

Buonanotte del 23 agosto 2018

La vita consiste in rari momenti singoli di altissimo significato e in innumerevoli intervalli in cui nel miglior caso ci si aggirano intorno le ombre di quei momenti. L'amore, la primavera, ogni bella melodia, la montagna, la luna, il mare – tutto parla una sola volta veramente al cuore: seppure giunge mai a parlare.
— Friedrich Nietzsche, da “Umano, troppo umano”

Joseph Beuys

Immagine
Joseph Beuys (German 1921-1986) The Silence Of Marcel Duchamp Is Overrated (1964)

La bambina pugile

Scrivimi una lettera inospitale
qualcosa che mi spintoni
all’aperto, mi dia
mondo. Scrivimi come mi
soffiassi via dal muro
l’ombra troppo invadente
di una gigantesca mano, come mi
baciassi, rompendo l’incantesimo
dell’infanzia intoccabile.
Mandami un vino forte riga
per riga, un sangue
che macchia e smisura
le parole. Mandami a me,
mandami alla consegna,
come un pacco prezioso
in carta casuale,
un neonato in regalo
una faccia spalancata
al cosmo. Scucimi dal tempo
come astro rapido, estremo,
come orizzonte cancellato
dalle onde
mutevoli del senso.

— Chandra Livia Candiani

Buonanotte del 22 agosto 2018

Chiusa la porta alle mie spalle, m'appoggiavo al muro del pianerottolo con una voglia di mettermi a sedere sul primo scalino, per non rialzarmene mai più.
— (L. Pirandello)

Gustave Courbet

Immagine
The Calm Sea

L' ombra

Immagine
La mia ombra è come un buffone
dietro la regina. Quando lei si alza,
il buffone sulla parete balza
e sbatte nel soffitto col testone.

Il che forse a suo modo duole
nel mondo bidimensionale.
Forse al buffone non va la mia corte
e preferirebbe un diverso ruolo.

La regina si sporge dal balcone
e dal balcone lui si butta giù.
Così hanno diviso ogni azione,
però a uno ne tocca assai di più.

Si è preso il merlo i gesti liberali,
il pathos con la sua impudenza
e tutto ciò per cui non ho la forza
corona, scettro, mantello regale.

Lieve sarò, ah, nell´agitare il braccio,
ah, lieve nel voltare indietro il capo,
sire, nell´ora del nostro commiato,
sire, alla stazione ferroviaria.

Sire, in quel momento sarà il buffone
a sdraiarsi sui binari alla stazione.

Wisława Szymborska

Buonanotte del 21 agosto 2018

Nei giorni e nelle settimane che seguirono Laila fece di tutto per consegnare alla memoria quanto era accaduto. Come un amante dell'arte che fugge da un museo in fiamme, afferrava tutto ciò che poteva — uno sguardo, un gemito, un sussurro — perché non andasse distrutto, perché potesse essere conservato. Ma non esistono fiamme più inesorabili di quelle del tempo.
— Khaled Hosseini, Mille splendidi soli

Raymond Parker

Immagine
Untitled, 1959

Le correzioni

E quando l’evento, il grosso cambiamento nella tua vita, è semplicemente una presa di coscienza, non è strano? Non c’è assolutamente nulla di diverso, tranne il fatto che vedi le cose in un altro modo e di conseguenza sei meno impaurita e meno ansiosa e nel complesso più forte: non è sorprendente che una cosa completamente invisibile nella tua testa possa sembrarti più vera di qualunque altra tu abbia mai provato prima? Vedi tutto più chiaramente, e sai che stai vedendo più chiaramente.
Jonathan Franzen

Buonanotte del 20 agosto 2018

In ogni cosa è salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato.
— Bertrand Russell

Theo van Doesburg

Immagine
Composition II (Still Life), 1916

Anima

Guardando dentro noi stessi, scopriamo molte più verità di quante non immaginiamo. Scopriamo, per esempio, che se facciamo come gli animali i quali, nel momento in cui decidono di ritirarsi nella loro tana cancellano le tracce davanti alla tana, subito diventiamo padroni della nostra vita e non abbiamo più bisogno dei falsi o illusori giudizi del mondo: perché «non è per mostra che la nostra anima deve rappresentare la sua parte, ma nel nostro intimo, dove nessun occhio penetra se non il nostro. — M. de Montaigne, Saggi, Bompiani

Buonanotte del 19 agosto 2018

La vita consiste in rari momenti singoli di altissimo significato e in innumerevoli intervalli in cui nel miglior caso ci si aggirano intorno le ombre di quei momenti. L'amore, la primavera, ogni bella melodia, la montagna, la luna, il mare – tutto parla una sola volta veramente al cuore: seppure giunge mai a parlare.
— Friedrich Nietzsche, da “Umano, troppo umano”

Paul Klee

Immagine
Colour Shapes, 1914

Chiamami col tuo nome

Come vivi la tua vita sono affari tuoi. Ma ricordati, cuore e corpo ci vengono dati una volta sola. La maggior parte di noi non riesce a fare a meno di vivere come se avesse a disposizione due vite, la versione temporanea e quella definitiva, più tutte quelle che stanno in mezzo. Invece ce n’è una sola, e prima che tu te ne accorga ti ritrovi col cuore esausto e arriva un momento in cui nessuno lo guarda più, il tuo corpo, e tantomeno vuole avvicinarglisi. Adesso soffri. Non invidio il dolore in sè. Ma te lo invidio, questo dolore.
— Andrè Aciman

Buonanotte del 18 agosto 2018

Abbiamo accumulato tante ferite, e se non ne siamo consapevoli tutte le nostre azioni diventano reazioni a quelle ferite. Nella conoscenza di sé c’è la fine del dolore e, quindi, l’inizio della saggezza.
— Jiddu Krishnamurti

Alex Couwenberg

Immagine

Henrik Nordbrandt

Immagine
Dovunque andiamo

Dovunque andiamo, arriviamo sempre troppo tardi
a ciò che un tempo siamo partiti per trovare.
E in qualsiasi città ci fermiamo sono le case
cui è troppo tardi per tornare i giardini
in cui è troppo tardi per trascorrere una notte
di luna e le donne che è troppo tardi per amare
a tormentarci con la loro impalpabile presenza.

E qualsiasi strada ci sembri di conoscere
ci porta lontano dai giardini fioriti
che cerchiamo e che diffondono
il loro pesante odore nel quartiere.
E a qualsiasi casa torniamo
arriviamo a notte troppo tarda
per essere riconosciuti.
E in qualsiasi fiume ci specchiamo
vediamo noi stessi solo dopo
aver voltato le spalle.

(da Poesia del Novecento in Italia e in Europa, Feltrinelli, 2000 – Traduzione di Bruno Berni)

Buonanotte del 17 agosto 2018

E sentì riaffiorare un vecchio sospetto, che la vita, in base all'esperienza che ne aveva fatto sino a quel momento, non fosse che una serie di distacchi. I personaggi attraversavano il palcoscenico, alcuni si trattenevano più di altri, ma alla fine uscivano tutti.
— Ogni nostra caduta III - Dennis Lehane

Unknown

Immagine

Verresti?

Potremmo essere in giro a passeggiare in una città qualunque, col caldo, mano nella mano e io dovrei accorgermi del tuo sorriso triste e allora darti un bacio o prenderti il viso e farti fare una smorfia che mimi la gioia. Sorrideresti e il mio desiderio di felicità per te sarebbe compiuto. La verità è che i tuoi sorrisi tristi a me piacciono, perché a te stanno bene, perché li sai trattare, li sai adoperare e mettere in fila senza che rompano le righe. Se lo facessi io sarei penoso. Questo è il punto: faccio pensieri e desidero cose nuove. Non importa cosa so. Per la prima volta, non importa. Non so da dove vengono o come si chiamino e non potrei spiegarle a nessuno eccetto te, con un po’ di tempo, con un po’ di pause, con quei silenzi che non saprei riempire, all’inizio. Ma potrei imparare. Sono un pessimo romantico, lo ammetto. E’ per questo che non sono riuscito a farti innamorare. Lo so che è così. Ho immaginato che potessi bastare io, con i miei modi normali e l’aria spavalda. …

Buonanotte del 16 agosto 2018

Io ti dico che l’uomo è uomo quando non è testardo. Quando capisce che è venuto il momento di fare marcia indietro, e la fa. Quando riconosce un errore commesso se ne assume le responsabilità, paga le conseguenze, e non cerca scuse. Quando amministra e valorizza nella stessa misura tanto il suo coraggio quanto la sua paura.
— Eduardo De Filippo, Il Sindaco del Rione Sanità

Richard Mortensen

Immagine

L’incendio di via Keplero

Se ne raccontavano di cotte e di crude sul fuoco del numero 14. Ma la verità è che neppur Sua Eccellenza Filippo Tommaso Marinetti avrebbe potuto simultanare quel che accadde, in tre minuti, dentro la ululante topaia, come subito invece gli riuscì fatto al fuoco: che ne disprigionò fuori a un tratto tutte le donne che ci abitavano seminude nel ferragosto e la lor prole globale, fuor dal tanfo e dallo spavento repentino della casa, poi diversi maschi, poi alcune signore povere e al dir d’ognuno alquanto malandate in gamba, che apparvero ossute e bianche e spettinate, in sottane bianche di pizzo, anzi che nere e composte come al solito verso la chiesa, poi alcuni signori un po’ rattoppati pure loro, poi Anacarsi Rotunno, il poeta italo-americano, poi la domestica del garibaldino agonizzante del quinto piano, poi l’Achille con la bambina e il pappagallo, poi il Balossi in mutande con in braccio la Carpioni, anzi mi sbaglio, la Maldifassi, che pareva che il diavolo fosse dietro a spennar…

Buonanotte del 15 agosto 2018

L'irreale è più potente del reale. Perché la realtà non arriva mai al grado di perfezione cui può spingersi l'immaginazione. Perché soltanto ciò che è intangibile, le idee, i concetti, le convinzioni, le fantasie, dura. Le pietre si sgretolano. Il legno marcisce. La gente, beh… la gente muore. Ma le cose fragili, come un pensiero, un sogno, una leggenda, durano in eterno.
— Chuck Palahniuk, Soffocare

Carlo Mattioli

Immagine
Paesaggio, 1990

La moglie di Lot

Immagine
Guardai indietro, dicono, per curiosità, ma potevo avere, curiosità a parte, altri motivi. Guardai indietro rimpiangendo la mia coppa d'argento. Per distrazione - mentre allacciavo il sandalo. Per non dover più guardare la nuca proba di mio marito, Lot. Per l'improvvisa certezza che se fossi morta non si sarebbe neppure fermato. Per la disobbedienza degli umili. Per tendere l'orecchio agli inseguitori. Colpita dal silenzio, sperando che Dio ci avesse ripensato. Le nostre due figlie stavano già sparendo oltre la cima del colle. Sentii in me la vecchiaia. Il distacco. La futilità del vagare. Il torpore. Guardai indietro posando per terra il mio fagotto. guardai indietro non sapendo dove mettere il piede. Sul mio sentiero erano apparsi serpenti, ragni, topi di campo e piccoli avvoltoi. Non più buoni né cattivi - ogni cosa vivente semplicemente strisciava e saltava in un panico collettivo. Guardai indietro per solitudine. Per la vergogna di fuggire di nascosto. Per la voglia …

Corrado Gizzi

Immagine
Il 15 agosto del 2012, muore a Pescara Corrado Gizzi, studioso di dante e fondatore della Casa di Dante in Abruzzo


I riferimenti all'astronomia, per mezzo dei quali il poeta ci fornisce un'esatta cronologia del suo viaggio, tanto abbondano nelle tre cantiche da potersi asserire che costituiscono uno degli elementi di legame essenziali fra le parti dell'opera.
(L'astronomia nel poema sacro)

Buonanotte del 14 agosto 2018

Adesso non penso più a nessuno; non mi curo nemmeno di cercare parole. Tutto scorre in me più o meno svelto, non fisso nulla, lascio correre. La maggior parte del tempo, in mancanza di parole cui attaccarsi, i miei pensieri restano nebulosi. Disegnano forme vaghe e piacevoli, e poi sprofondano, e subito li dimentico.
— Jean-Paul Sartre, La Nausea

Dirk Vanmassenhove

Immagine
Scapable, 2017

L'Ur-Fascismo (Il Fascismo Eterno)

1) La prima caratteristica di un Ur-Fascismo e’ il culto della tradizione.
Il tradizionalismo e’ piu’ vecchio del fascismo. Non fu solo tipico del pensiero controrivoluzionario cattolico dopo la Rivoluzione Francese, ma nacque nella tarda eta’ ellenistica come una reazione al razionalismo greco classico.
Nel bacino del Mediterraneo, i popoli di religioni diverse (tutte accettate con indulgenza dal Pantheon romano) cominciarono a sognare una rivelazione ricevuta all’alba della storia umana. Questa rivelazione era rimasta a lungo nascosta sotto il velo di lingue ormai dimenticate. Era affidata ai geroglifici egiziani, alle rune dei celti, ai testi sacri, ancora sconosciuti, delle religioni asiatiche. Questa nuova cultura doveva essere sincretistica. “Sincretismo” non e’ solo, come indicano i dizionari, la combinazione di forme diverse di credenze o pratiche. Una simile combinazione deve tollerare le contraddizioni. Tutti i messaggi originali contengono un germe di saggezza e quando sem…

Buonanotte del 13 agosto 2018

Il silenzio, quando non è scelto, è pieno di echi sinistri, tracce di richiami falliti, di grida soffocate, di segnali di fumo che il vento ha disperso.
— Dacia Maraini

Jeonghan & Choonhyang Yun

Immagine
Jeonghan and Choonhyang Yun, ‘Saessak (new sprout) 1620’, - 2016

Il portafortuna della felicità

Oblio è il piacere, felicità è la memoria. Dopo l'amore riaffiorano le immagini; infatti l'amore è un po’ entrambe le cose, piacere acuto come una gioia d'infanzia e poi malinconia calma di essere in due nel tempo ritrovato, nell'acqua fragile e dolce del tempo misurato […] Dopo l'amore, ti appoggi alla mia spalla e io guardo al termine del mondo, al termine del letto l'immagine vertiginosa e familiare dove si può cadere sognando, perdersi lentamente, ritrovarsi, come nel sonno, come nell'amore, fino all'infanzia.
— di Philippe Delerm

Buonanotte del 12 agosto 2018

Credo che non ti amerei tanto se in te non ci fosse nulla da lamentare, nulla da rimpiangere. Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno mai inciampato. La loro è una virtù spenta, di poco valore. A loro non si è svelata la bellezza della vita…
— Boris Pasternak - Il dottor Zivago

Joan Mitchell

Immagine

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Durante il finesettimana sono io che mi costruisco il mio orario, lo scrivo su un cartoncino un po’ spesso e lo appendo al muro. Ci sono scritte cose come Dare da mangiare a Toby, o Fare matematica, o Andare al negozio a comprare le caramelle. Ed è questo un altro motivo per cui non mi piace la Francia, perché quando si è in vacanza non si ha un orario da seguire e tutte le mattine dovevo obbligare mio padre e mia madre a dirmi esattamente cosa avremmo fatto quel giorno per farmi stare meglio. Poiché il tempo non è come lo spazio. E quando si appoggia qualcosa da qualche parte, ad esempio un goniometro o un biscotto, nella propria testa si può disegnare una cartina del punto dove si trova, ma anche se non si ha una cartina non importa perché l'oggetto continuerà a essere lì. Una cartina è la rappresentazione di qualcosa che esiste realmente, e quindi sarà possibile ritrovare il goniometro o il biscotto. Un orario è una cartina del tempo, solo che se non si ha un orario il tempo n…

Constant Nieuwenhuys

Immagine
Constant Nieuwenhuys

Buonanotte del 11 agosto 2018

Eppure io credo che se ci fosse un po’ di silenzio, se tutti facessimo un po’ di silenzio, forse qualcosa potremmo capire.
— Federico Fellini

Susanna Cattaneo

Immagine
Sarò la luce

Sarò la luce che splende su tutte le penombre.
L’inverno di ogni amante.
L’erosione del mare che fa lisce le pietre.
Le tempeste che scalzeranno le radici.
La notte d’argento su un oceano silenzioso.
Quella vacanza.
Quel viaggio.
Ogni sera vissuta nella pioggia.
Sarò le orme sulla spiaggia in altri mondi.
Il sale dell’Oriente.
Lontananze di porti e leggende.
La straniera errante.
Quella che incontri sui tuoi passi.
Sarò ogni cosa.
Sarò l’oblio.

(da Lluvia sobre toda soledad, 2003)

Buonanotte del 10 agosto 2018

Che cos'è l'insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente a fabbricare pensieri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue, il suo rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza degli occhi chiusi o alla saggia follia dei sogni?
— Memorie di Adriano - M. Yourcenar

John Copeland

Immagine
The black sea

Domande

Quante domande sono senza senso. L'unico motivo per cui ho vissuto tanto a lungo è che ho lasciato andare il passato. Ho chiuso la porta in faccia al dolore, al pentimento, al rimorso. Se li lascio entrare, se apro anche solo una piccolissima fessura in un attimo di auto indulgenza, bum, ecco la porta spalancarsi, ed entrare bufere di sofferenza che mi devastano il cuore e mi oscurano gli occhi di vergogna e rompono tazze e bottiglie buttano a terra barattoli frantumano i vetri delle finestre e io inciampo grondante sangue sullo zucchero versato e i vetri rotti e rimango terrorizzata senza fiato finché tremando e con un ultimo singhiozzo non richiudo la pesante porta. Raccolgo i cocci per l'ennesima volta.
— Lucia Berlin

Buonanotte del 9 agosto 2018

Finché l'uomo sfrutterà l'uomo, finché l'umanità sarà divisa in padroni e servi, non ci sarà né normalità né pace.
— Pier Paolo Pasolini

Nicole Bottet

Immagine
Nicole Bottet

Piccoli esperimenti di felicità

Mai sottovalutare i rancorosi, gli intriganti e i maligni. Bombardano le persone più docili, indifferenti o ignare con una notevole ostinazione. Il pretesto è generalmente di poco conto, ma le conseguenze a lungo termine possono essere disprezzo, incomprensione e odio. Se uno non ha niente di importante da fare per tutto il giorno, le cose piccole diventano grandi. Il tempo di una persona va riempito, l’attenzione va rivolta verso qualcosa. La cattiveria insita in un carattere cerca uno sfogo. Diversamente da quanto uno potrebbe aspettarsi, con il passare degli anni la meschinità aumenta e l’apertura mentale diminuisce.
— (Hendrik Groen)

Buonanotte del 8 agosto 2018

Ma le cose, dentro di noi, sono sempre maledettamente complicate; e tanto più inganniamo noi stessi, o tentiamo, quanto più evidente e immediato si prospetta il disinganno.
— Leonardo Sciascia, Todo modo

Anton Kolokolov

Immagine

Scoperta

Immagine
Credo nella grande scoperta.
Credo nell’uomo che farà la scoperta.
Credo nello sgomento dell'uomo che la la farà.

Credo nel pallore del suo viso,
nella sua nausea, nel sudore gelato del suo labbro.

Credo nei suoi appunti bruciati,
ridotti in cenere,
bruciati fino all’ultimo.

Credo nelle cifre sparpagliate,
sparpagliate senza rimpianto.

Credo nella fretta dell’uomo,
nei suoi gesti precisi,
nel suo libero arbitrio.

Credo nelle lavagne fracassate,
nei liquidi versati,
nei raggi spenti.

Affermo che ciò riuscirà,
che non sarà troppo tardi,
e che avverrà in assenza di testimoni.

Nessuno lo saprà, ne sono certa,
né la moglie, né la parete,
neppure l’uccello, potrebbe cantare.

Credo nella mano che non si presta,
credo nella carriera spezzata,
credo nel lavoro di molti anni sprecato.
Credo nel segreto portato nella tomba.

Queste parole mi veleggiano sopra le regole.
Non cercano appoggio in nessun esempio.
La mia fede è forte, cieca e senza fondamento.
Wisława Szymborska

Buonanotte del 7 agosto 2018

Esistere è cambiare; cambiare è maturare; maturare è continuare a creare se stessi senza fine.

Henry Bergson

Koen dan den Broek

Immagine
The Del, Blue, Red, Yellow, Red, 2014

Le parole

State attenti alle parole,
anche a quelle miracolose.
Per le miracolose diamo il meglio,
brulicano alle volte come insetti
lasciando non un pizzico ma un bacio.
Possono essere buone come le dita.
Possono essere affidabili come le rocce
su cui mettiamo il sedere.
Ma possono essere sia margherite che ferite.
Eppure io le amo.
Sono colombe cadute dal soffitto.
Sono sei arance sacre appoggiate in grembo.
Sono gli alberi, le gambe dell’estate,
e il sole, con il suo volto appassionato.

Eppure spesso mi deludono.
Ho così tanto da dire,
così tante storie, immagini, proverbi, ecc.
Ma le parole non ce la fanno,
mi baciano quelle sbagliate.
A volte volo come un’aquila
ma con le ali dello scricciolo.

Provo comunque a prendermene cura
e ad essere gentile.
Uova e parole vanno maneggiate con cura.
Una volta rotte non si possono
riparare.

– Anne Sexton

Buonanotte del 6 agosto 2018

Oramai siamo tutti alienati: continuiamo – volontariamente – a fare cose che in realtà non vorremmo fare. Ma andando di questo passo finiremo per dimenticare quello che avremo voluto realmente fare. Così, un giorno, marceremo senza neanche accorgerci di marciare. — Pierluigi Vizza

B. J. O. Nordfeldt

Immagine
Moonrise - 1906

La prova del miele

Da quando l'ho incontrato non ha mai smesso di recitare poesie. Poemi interi che imparava a memoria. Lui declamava e io fantasticavo che li riscrivesse per me sola. Che la poesia fosse la chiave del mio corpo? La poesia era sempre tra noi. Lui mi amava con i versi degli altri. Quando partiva per un viaggio, mi telefonava per dirmi il titolo di una raccolta o di una poesia. Io cercavo il poeta, leggevo le parole, e me lo sentivo accanto. Pessoa, Kavafis, Char, Michaux e altri che non conoscevo. La poesia era sempre tra noi. Con lui ho ripreso a scrivere le mie poesiole, che sono diventate il rito iniziatico di ogni nostro incontro. Mi chiedeva le mie parole e io, in silenzio, gli porgevo il foglio con la poesia. Lui la leggeva come se partisse alla scoperta del mio lato oscuro, della parte più profonda di me che si cela dietro la mia frivolezza e le mie risate inconsistenti. Scopriva quello che non osavo rivelare nemmeno a me stessa. In silenzio ripiegava il foglio con cura e se l…

Cosmos

Alla base della complessità del mondo fisico su tutti gli ordini di esistenza ci sono armonia essenziale e ordine coerente. I fisici quantistici si sforzano di comprendere il mondo alle scale subatomiche più piccole, e i cosmologi scrutano le immense regioni dello spazio per studiare la maestà delle galassie. Noi esseri umani quanto a scala ci troviamo letteralmente a metà strada tra i regni nucleari e quelli galattici, e come organismi biologici siamo membri della più complessa forma di vita mai scoperta nell’universo.
Ervin Laszlo e Jude Currivan

Buonanotte del 5 agosto 2018

Dentro ogni vecchio c'è un giovane che si chiede cosa sia successo.

— Terry Pratchett

Martiros Saryan

Immagine
Land, 1969

Soli

Credo malgrado tutto che ogni persona sia sola, tutto il tempo. Si vive soli. Gli altri ci stanno intorno, ma si vive soli. Ognuno è come imprigionato nella sua testa, e tuttavia noi siamo quello che siamo solo grazie agli altri. Gli altri ci “abitano”. Per “altri” si deve intendere la cultura, la famiglia, gli amici. A volte possiamo cogliere il mistero dell’altro, penetrarlo, ma è talmente raro! È soprattutto l’amore a permettere un incontro di questo genere. Circa un anno fa, ho ritrovato un vecchio quaderno dei tempi in cui ero studente. Lì prendevo appunti, fermavo delle idee. Una citazione mi ha particolarmente impressionato: «Il mondo è nella mia testa. Il mio corpo è nel mondo». Avevo diciannove anni, e questa continua a essere la mia filosofia. I miei libri non sono nient’altro che lo sviluppo di questa constatazione.
— Paul Auster, da un’intervista a Paris Review

Buonanotte del 4 agosto 2018

Cara me,
ricordati di essere forte come il vento e indomabile come il mare, perché il vero dramma della vita è perdere se stessi.

— L. Del Grande

Andrew Crane

Immagine
Inner pool, 2017

Raúl Gómez Jattin

Immagine
I poeti, amore mio

I poeti, amore mio,
sono degli uomini orribili,
dei mostri di solitudine,
evitali sempre,
a cominciare da me.
I poeti, amore mio,
sono da leggere.
Ma non fare caso
a quel che fanno nelle loro vite.

Renato Olivieri

Immagine
Il 4 agosto del 1925, nasce a Sanguinetto il giornalista e giallista Renato Olivieri


Allora Ambrosio capì, e quel verso di Lee masters gli tornò di colpo in mente, diceva: "C'è qualcosa della morte che ricorda l'amore".
(Le inchieste del commissario Ambrosio)

Buonanotte del 3 agosto 2018

Parlare di sciocchezze è l'unico privilegio che l'umanità possiede sugli altri organismi. È parlando di sciocchezze che si arriva alla verità! Parlo senza senso, quindi sono umano.
— Fyodor Dostoyevsky, Il sogno di un uomo ridicolo

Paul Kollau

Immagine
Zonder titel 17-1 u

Mondo

C'è un solo e unico scopo nella vita: testimoniare e comprendere per quanto possibile la complessità del mondo, la sua bellezza, i suoi misteri, i suoi interrogativi. Più si cerca di capire, più s'indaga, e più si apprezza la vita e ci si sente in pace col mondo. È questa la sostanza della vita. Tutto il resto si riduce a vacui passatempi. Se un'attività non si basa sull'amore o sulla conoscenza, non ha alcun valore. […] Ci si può chiedere perché bisogna amare e imparare o perché sarebbe questo lo scopo della vita: voglio dire, come mai è stato deciso fare solo queste cose e con la massima dedizione? Una domanda stupida, non importa perché sia così. È così: lo scopo della vita è amare e imparare.
Anne Rice

Buonanotte del 2 agosto 2018

La vanità è a tal punto radicata nel cuore dell'uomo che un soldato, un attendente, un cuciniere, un vessillifero si vantano e vogliono degli ammiratori. E anche i filosofi li vogliono, e quelli che scrivono contro tutto ciò vogliono la gloria di avere scritto bene, e quelli che leggono vogliono la gloria di averli letti, e anch'io che sto scrivendo ho forse questo desiderio, e forse quelli che lo leggeranno.
— Blaise Pascal - “Pensieri”

Georges Rouault

Immagine
Landscape - 1906

Io sono un solo uomo, tu sei una tribù di donne

Amarti è problema grande, problema di corpi, problema di lingua, problema di cultura. Il mio braccio è corto mentre i tuoi rami sono carichi di frutti. Le mie ali sono spezzate e i tuoi cieli sono colmi di passeri. Le mie parole sono limitate e il tuo corpo è una accademia reale che colleziona poesia e inventa lingue. Con te non ci sono vie di mezzo, né opinioni a metà o emozioni dimezzate. Ogni cosa con te è un terremoto o non c'è. Ogni giorno con te è una insurrezione o non c'è. Ogni bacio sulla tua bocca è un inferno o non c'è. Così sono io da quando professo l'amore, da quando professo la scrittura. Ogni poesia che esce dalle mie dita è calda come il pane. Ogni donna sulla quale metto le mani ha il grembo gravido di cinquanta lune. Con te il clima moderato non esiste o la lunga tregua, né alcun equilibrio. L'equilibrio con una donna come te, impastata con le proprie mandorle, con il proprio miele, con il latte della sua femminilità, con la musica dei suoi pett…

Buonanotte del 1 agosto 2018

Meno si fa esperienza del contatto fisico dei corpi tanto più si diventa estranei agli altri e a se stessi: bambini, giovani, donne e uomini, vecchi, malati nel corpo e nella mente, tutti abbiamo bisogno almeno di una carezza per sentire fisicamente l’altro.
Enzo Bianchi

Colley Whisson

Immagine
‘A March Moment’

Appunto

Immagine
Nella prima bacheca
c’è una pietra.
Vediamo su di essa
una lieve graffiatura.
Opera del caso,
come dicono taluni.

Nella seconda bacheca
un pezzo di osso frontale.
Difficile stabilire
se d’animale o d’uomo.
Un osso è un osso.
Proseguiamo.
Qui non c’è nulla.

E’ rimasto solo
la vecchia somiglianza
della scintilla tratta dalla pietra
con la stella.
Lo spazio di paragone
aperto da secoli
si è conservato bene.

Lui
ci ha allettati a uscire dall’interno della specie,
ci ha condotti fuori dalla sfera del sonno
prima della parola sonno,
in cui ciò che è vivo
nasce per sempre
e muore senza morte.

Lui
ha trasformato in umana la nostra testa,
dalla scintilla alla stella,
da una a molte,
da ognuna a tutte,
da tempia a tempia
e ha aperto in noi
ciò che non ha palpebre.

Dalla pietra
si è levato in volo il cielo,
il bastone si è ramificato
in un groviglio di estremità.
Il serpente ha sollevato l’aculeo
dal viluppo delle sue cause.
Il tempo si è arrotolato
negli anelli degli alberi.
Si è moltiplicato …

Etichette