Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2014

Michele Catti

Immagine
Monte Pellegrino

Coraggio

Senza voler togliere nulla a quel genere di coraggio che porta alcuni uomini a morire, non dobbiamo dimenticare quegli atti di coraggio grazie ai quali gli uomini vivono; il coraggio della vita quotidiana è spesso uno spettacolo meno grandioso del coraggio di un atto definitivo, ma resta pur sempre una miscela magnifica di trionfo e di tragedia... Un uomo fa il suo dovere, a dispetto delle conseguenze personali, nonostante gli ostacoli, i pericoli e le pressioni, e questo è il fondamento della moralità umana; in qualsiasi sfera dell'esistenza un uomo può essere costretto al coraggio, quali che siano i sacrifici che affronta seguendo la proprio coscienza: la perdita dei suoi amici, della sua posizione, delle sue fortune e persino la perdita della stima delle persone che gli sono care. Ogni uomo deve decidere da sé qual'è la via giusta da seguire; le storie che si raccontano sul coraggio degli altri ci insegnano molte cose, possono offrirci una speranza, possono farci da mode…

Buongiorno del 31 agosto 2014

Mutano i cieli sotto i quali ti trovi, ma non la tua situazione interiore, poiché sono con te le cose da cui cerchi di fuggire.
Seneca

Buonanotte del 30 agosto 2014

Le emozioni non hanno simpatia per l’ordine fisso.

Yukio Mishima

Gustave Courbet

Immagine
The Beach at Palavas, c. 1854

Quando...

Nascosta da qualche parte nel vostro inconscio vi è una visione idilliaca. Ci vediamo in un lungo viaggio su tutto il continente. Viaggiamo in treno. Fuori del finestrino ammiriamo il passaggio a livello, bestiame al pascolo su una collina lontana, fumo che fuoriesce da una centrale termica, file su file di grano e di mais, pianure e valli, montagne e dolci colline, profili di città e ville nei paesini.
Ma dominante nella nostra mente è la destinazione finale. In un certo giorno a una certa ora entreremo nella stazione. Ci saranno bande musicali e sventolio di bandiere. Una volta arrivati lì, tanti sogni meravigliosi si avvereranno e i pezzi della nostra vita si completeranno a vicenda come un rompicapo portato a termine. Con quale irrequietezza percorriamo i corridoi, maledicendo i minuti d’ozio, aspettando, aspettando, aspettando la stazione.
“Quando arriveremo in stazione, sarà fatta!” gridiamo. “Quando avrò diciotto anni” “Quando mi comprerò una Mercedes Benz nuova!” “Quando l’ul…

Buongiorno del 30 agosto 2014

Le persone piangono, non perché sono deboli ma perché sono state forti per troppo tempo.

Johnny Depp

Buonanotte del 29 agosto 2014

Sbaglia chi crede di leggere a caso.

Amélie Nothomb

Evert Lundquist

Immagine
(Swedish, 1904-1994), Lilla vågen [Little wave], 1941-42.

The deeper secret

La nostra vita ha uno scopo? Io credo di sì, e sono sicura che abbiamo bisogno di uno scopo per essere realmente felici. Senza uno scopo la vita è priva di significato e le nostre decisioni mancano di passione. Non essendo ancorate a una solida struttura, le nostre decisioni hanno breve durata, anche se possono produrre effetti estremi come delusione, amarezza, paura, confusione e caos. Al contrario, le persone che sono in contatto con lo scopo della loro vita sono facili da riconoscere: i loro occhi brillano perché sono illuminati dall’interno, la loro vita risplende di entusiasmo e di significato. Sono persone infiammate di energia, perché sono loro a nutrire se stesse invece di far dipendere la loro felicità e la loro pace mentale dagli altri. In genere irradiano serenità e non si lasciano sviare facilmente. Il contatto con il compito della loro vita dà loro il potere e la fiducia necessari per superare i momenti difficili e per godere dei momenti belli.
Annemarie Postma

Buongiorno del 29 agosto 2014

Conoscerai un grande dolore e nel dolore sarai felice. Eccoti il mio insegnamento: nel dolore cerca la felicità.
Fedor Dostoevskij

Buonanotte del 28 agosto 2014

Ogni vero uomo deve sentire sulla propria guancia lo schiaffo dato a qualunque altro uomo. “Se io muoio non piangere per me, fai quello che facevo io e continuerò vivendo in te„
Che Guevara

J. M. W. Turner

Immagine
Three Seascapes, c. 1827

Gli ingredienti segreti dell’amore

In fondo ognuno di noi ha le proprie complessità, le proprie idiosincrasie e fissazioni. Ci sono cose che facciamo e cose che non faremmo mai, o soltanto in determinate circostanze. Cose di cui gli altri ridono, o disapprovano, o se ne meravigliano. Cose stravaganti, che sono solo nostre. Io, per esempio, colleziono pensieri. Una delle pareti di camera mia è tappezzata di foglietti colorati pieni di pensieri fugaci, che ho fissato proprio perché non andassero perduti. Pensieri su conversazioni captate per caso al ristorante, su rituali e sui motivi per cui sono tanto importanti, pensieri su baci scambiati al parco di notte, sul cuore e sulle stanze d’albergo, sulle mani, le sedie da giardino, le fotografie, sui segreti e su quando vengono svelati, sulla luce tra le foglie degli alberi e sul tempo quando si ferma. Le mie brevi annotazioni sono appuntate alla carta da parati come farfalle tropicali, attimi catturati, che non hanno altro scopo se non quello di starmi vicino, e quando ap…

Buongiorno del 28 agosto 2014

Lasciate entrare il cane coperto di fango, si può lavare il cane e si può lavare il fango… Ma quelli che non amano né il cane né il fango, quelli no, non si possono lavare.
Jacques Prévert

Buonanotte del 27 agosto 2014

Gli italiani: gente che applica la morale all’arte e la fantasia alla moralità.

Francesco Cocco

Thomas Moran

Immagine
'Fiercely the Red Sun Descending, Burned his Way across the Heavens' 1875

Stati

E’ molto difficile accorgersi che i nostri processi di pensiero, sono solo espressione di una macchina che si chiama mente con la quale ci immedesimiamo. Non riusciamo a vedere che le nostre convinzioni, i nostri valori, le nostre idee, cambiano con il tempo e che nulla o quasi resta di ciò che credevamo e pensavamo anni prima. Continuiamo a pensare che il nostro “io” sia ciò che pensiamo allo stesso modo in cui ci identifichiamo con un corpo che invece cambia. Quando, per caso, ci capita di accorgerci che ciò che siamo è “l’osservatore” dei propri pensieri e che la mente è solo uno strumento, cominciamo a capire l’impermanenza della realtà e che esiste il “Permanente” “l’immutabile” E’ in questo momento che si creano le condizioni, da un lato, per una vera conversione e dall’altro per una liberazione dalla schiavitù della psiche. Quando infatti la natura impermanente della mente e dei pensieri risulta chiara alla comprensione, e si radica nella certezza, si può con maggior leggerez…

Buongiorno del 27 agosto 2014

La gente non ascolta, aspetta solo il suo turno per parlare.

C. Palahniuk

Buonanotte del 26 agosto 2014

Nessuno, mai, riesce a dare l’esatta misura di ciò che pensa, di ciò che soffre, della necessità che lo incalza, e la parola umana è spesso come un pentolino di latta su cui andiamo battendo melodie da far ballare gli orsi mentre vorremmo intenerire le stelle.
Gustave Flaubert, Madame Bovary

Gaganendranath Tagore

Immagine
Moon Above the Sea (1867-1938)

Non posso

Non posso darti soluzioni per tutti i problemi della vita
Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori,
però posso ascoltarli e dividerli con te
Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro
Pero’ quando serve staro’ vicino a te
Non posso evitarti di precipitare,
solamente posso offrirti la mia mano
perche’ ti sostenga e non cadi
La tua allegria, il tuo successo e il tuo trionfo non sono i miei
Pero’ gioisco sinceramente quando ti vedo felice
Non giudico le decisioni che prendi nella vita
Mi limito ad appoggiarti a stimolarti e aiutarti se me lo chiedi
Non posso tracciare limiti dentro i quali devi muoverti,
Pero’ posso offrirti lo spazio necessario per crescere
Non posso evitare la tua sofferenza,
quando qualche pena ti tocca il cuore
Pero’ posso piangere con te e raccogliere i pezzi per rimetterlo a nuovo.
Non posso dirti né cosa sei né cosa devi essere
Solamente posso volerti come sei ed essere tuo Amico.

Jorges Luis Borges

Buongiorno del 26 agosto 2014

Il senso della vita glielo do io, con i miei sogni, le mie speranze, con il desiderio di raggiungere la pienezza di chi sono. Il senso della vita si trova nell’infinitezza dell’universo, e dentro ogni singola cellula del mio corpo. La sua scoperta è un viaggio dentro se stessi.
Stephen Littleword

Buonanotte del 25 agosto 2014

Chi conosce la scienza sente che un pezzo di musica e un albero hanno qualcosa in comune, che l’uno e l’altro sono creati da leggi egualmente logiche e semplici.
A. Čechov (cit. in: M. Rigoni Stern, Arboreto salvatico, Torino 1991, p. IX)

Atilio Malinverno

Immagine
Atilio Malinverno (b. Buenos Aires, Argentina 1890 - d. ibidem 1936) Nubes / Clouds

Buongiorno del 25 agosto 2014

Andare sulla luna, non è poi così lontano. Il viaggio più lontano è quello all’interno di noi stessi.

Anaïs Nin

Buonanotte del 24 agosto 2014

Riflettere è considerevolmente laborioso, ecco perché molta gente preferisce giudicare.

José Ortega y Gasset

Giorgio Morandi

Immagine

15 Cose da Sacrificare per Essere Felice

15 Cose da Sacrificare per Essere Felice Si tratta di 15 abitudini, pensieri o azioni che ci impediscono di essere felici. Non è brevissimo, si, ma ne vale davvero la pena!
Ecco una lista di 15 cose senza le quali la tua vita diventerà molto più semplice e soprattutto più felice.
Troppo spesso la nostra vita si cristallizza intorno ad abitudini che non ci provocano altro che stress, dolore e sofferenza. E invece di lasciarle andare e permetterci di essere più sereni, ci aggrappiamo ad esse con tutte le nostre forze. Bè, non più! A partire da oggi abbandoneremo tutto quello che non ci serve e abbracceremo insieme il cambiamento.
Pronto? Si parte!
1. Lascia andare il bisogno di avere sempre ragione.
Siamo in così tanti a non sopportare l’idea di avere torto. Anche a costo di distruggere grandi amicizie o rapporti e causare grosso dolore a noi e agli altri. Non ne vale la pena. Punto! La prossima volta che senti l’urgenza di tuffarti in una zuffa su chi ha torto o ragione, chiediti quell…

Buongiorno del 24 agosto 2014

In certi casi e con certe persone, sapere di non essere come loro è già una gran bella soddisfazione.

Sono (momentaneamente) fuori.

Pablo Picasso

Immagine
nu les bras croises 1960

Buongiorno del 23 agosto 2014

Qualcosa non funziona in una società in cui si va in macchina in palestra per usare una bicicletta statica.

Bill Nye

Buonanotte del 22 agosto 2014

La poesia è la rivelazione di un sentimento che il poeta crede che sia personale e interiore, che il lettore riconosce come proprio.
Salvatore Quasimodo
Immagine
Kustlandskap II (Coastal Landscape II), 1903

Il sogno in azione

La bellezza del tuo sorriso il tuo sorriso
di cristallo il cristallo di velluto
il velluto della tua voce la tua voce e
il tuo silenzio il tuo silenzio assorbente
assorbente come la neve la neve
calda e lenta lenta è
la tua andatura la tua andatura diagonale
diagonale sete sera seta e fluida
fluida come i pianti le piante
sono nella tua pelle la tua pelle le
spettina spettina il tuo profumo
il tuo profumo è nella mia bocca la tua bocca
è una coscia una coscia che s’invola
s’invola verso i miei denti i miei denti
ti divorano divoro la tua assenza
la tua assenza è una coscia coscia o
scarpa scarpa che bacio
bacio questa scarpa la bacio sulla
tua bocca perché la tua bocca è una bocca
non è una scarpa specchio che bacio
come le tue gambe come
le tue gambe come le tue gambe
come le tue gambe le tue gambe
gambe del sospiro sospiro
della vertigine vertigine del tuo viso
scavalco la tua immagine come si scavalca
una finestra finestra del tuo essere e dei
tuoi miraggi la tua immagine il suo corpo e
la sua anima la tua an…

Buonanotte del 21 agosto 2014

La libertà, il più grande frutto della propria autosufficienza.

Epicuro

Juan Gris

Immagine
Still Life with Flowers 1912

Come se parlare fosse effimero

Brevi primavere ci avrebbero sorpreso in inverno a raccogliere uno sguardo ridente sulla polvere ch’è sui nostri giorni. S’invecchia così per accettazione di vita o per semplice nostalgia di futuro, come una curiosità acerba che matura nel tempo. Bruciano le mani ogni volta che raccolgo una parola e diventano stigmate di silenzio. Come se parlare fosse effimero e scrivere, un’urgenza.
Beatrice Niccolai

Buongiorno del 21 agosto 2014

La frase più pericolosa in assoluto è: abbiamo sempre fatto così…

Grace Hopper

Buonanotte del 20 agosto 2014

Facendo un bilancio serio devo dire che non ho mai saputo rispondere la cosa giusta al momento giusto. Mai, nemmeno una volta. Le cose buone mi venivano fuori dopo, magari quando stavo a casa, e così la mia vita è un accumulo di risposte esatte date al momento sbagliato.
Antonio Pascale

Joan Snyder

Immagine
Pumpkin Field III, 2012

Zoppicare

Da che cosa deriva che uno zoppo non ci irrita, e invece un intelletto zoppicante ci irrita? Perché uno zoppo riconosce che noi camminiamo diritti e un intelletto zoppicante dice che siamo noi a zoppicare; altrimenti ne sentiremmo pietà, non collera. Epitetto domanda con maggiore forza: "Perché non ci adiriamo se ci si dice che abbiamo mal di testa e ci adiriamo se ci si dice che ragioniamo male o che scegliamo male?". La ragione di questo è che noi siamo ben sicuri di non aver mal di testa e che non siamo zoppi; ma non siamo tanto sicuri di scegliere il vero. Di modo che, non avendone altra sicurezza se non che lo vediamo con tutta la nostra vista, quando un altro vede con tutta la sua vista il contrario, ne siamo perplessi e meravigliati, e tanto più quando mille altri si burlano della nostra scelta.
Pascal

Buongiorno del 20 agosto 2014

Si può dire di tutte le cose, che avrebbero potuto andare in modo diverso. Il fatto è, però, che non sono andate in modo diverso. Quel che è stato, è stato. Quel che è, è.
Penelope Lively, L’estate in cui tutto cambiò

Buonanotte del 19 agosto 2014

Nella vita a volte è necessario saper lottare, non solo senza paura, ma anche senza speranza.

Sandro Pertini

Peter Bezrukov

Immagine

Astenersi

Pochissimi sanno astenersi dal dire delle malvagità sul conto dei loro conoscenti, e persino, se capita, degli amici ; eppure, quando poi vengono a sapere che è stato detto qualcosa contro di loro, assumono un atteggiamento di indignato stupore. Evidentemente non hanno mai pensato che, esattamente come essi malignano sul conto altrui, gli altri malignano sul loro conto. Ci aspettiamo che gli altri abbiano per noi quel tenero amore e quel profondo rispetto che noi proviamo per noi stessi. Non ci passa per la mente che non possiamo aspettarci dagli altri che pensino di noi più bene di quanto noi non pensiamo di loro, e la ragione per cui questo non ci passa per la mente è che i nostri meriti ci appaiono grandi ed evidenti, mentre quelli degli altri, ammesso che pure esistano, sono visibili solo ad un occhio caritatevole.
B. Russell

Buongiorno del 19 agosto 2014

Da quando fui stanco di cercare,
ho imparato a trovare.

Da quando un vento mi ha fatto resistenza,
navigo con tutti i venti.

Friedrich Nietzsche, La mia felicità, da Rovine di stelle

Buonanotte del 18 agosto 2014

Così, quando sull’autobus o in qualche altro posto vedo qualcuno che sta leggendo e all’improvviso si accorge di aver saltato la sua fermata, mi viene voglia di abbracciarlo, perché significa che aveva la testa da un’altra parte.
Vladimir Dimitrijevic



Claude Monet

Immagine
The Three Trees, Autumn

Per il bene

Gli sforzi incessanti per bandire il dolore non fanno altro che fargli mutare forma. Inizialmente si presenta in forma di povertà, di miseria, di timore di perdere la vita. Se, cosa difficilissima, si riesce a scacciare il dolore in questa forma, esso si ripresenta immediatamente in mille altre forme, a seconda dell'età e delle circostanze: come istinto sessuale, passione amorosa, gelosia, invidia, odio, angoscia, ambizione, avidità, malattia, ecc. Se poi alla fine non trova più altre forme, si presenta nel triste, abito grigio del fastidio e della noia, contro cui si cercherà di fare qualcosa. Ma anche se si riesce a scacciarli, difficilmente sarà possibile farlo senza aprire nuovamente la via al dolore in una delle forme precedenti. E così il ballo ricomincia da capo; perché la vita umana è un continuo oscillare tra il dolore e la noia. Ma se noi ci renderemo conto che il dolore come tale è essenziale ed inevitabile per la vita, e solo la sua forma, la forma in cui si presenta,…

Buongiorno del 18 agosto 2014

Perdo gli anni a vista d’occhi. Sto diventando ridicolamente giovane.

Giuseppe Ungaretti settantanovenne (da L’allegria è il mio elemento, 14 maggio 1967)

Buonanotte del 17 agosto 2014

Ascoltare è davvero pericoloso, significa sapere, significa essere informato ed essere al corrente, le orecchie sono prive di palpebre che possano chiudersi istintivamente di fronte a ciò che viene pronunciato, non si possono proteggere da ciò che si presume stia per essere ascoltato, è sempre troppo tardi.
Javier Marías, Un cuore così bianco.

Vincent van Gogh

Immagine
(Dutch, Post-Impressionism, 1853-1890) Poppies and Butterflies, 1890.

Nomi propri

Una parte della sua infanzia è stata dedicata ad un ascolto particolare: quello dei nomi propri della vecchia borghesia bayonnese, che egli sentiva ripetere per giornate intere da sua nonna, appassionata di mondanità provinciale. Tali nomi erano molto francesi e, pur dentro a questo codice, tuttavia spesso molto originali; formavano una ghirlanda di significati strani alle mie orecchie (tant’è che me li ricordo benissimo: perché?): le signore Lebœuf, Barbet-Massin, Delay, Voulgres, Poques, Léon, Froisse, de Saint-Pastou, Pichoneau, Poymiro, Novion, Puchulu, Chantal, Lacape, Henriquet, Labrouche, de Lasbordes, Didon, de Ligneroles, Garance. Come si può avere un rapporto d’amore con dei nomi propri? Non v’è sospetto di metonimia: quelle signore non erano desiderabili, nemmeno carine. Tuttavia, impossibile leggere un romanzo, delle Memorie, senza questa ghiottoneria particolare (leggendo Madame de Genlis, sorveglio con molto interesse i nomi dell’antica nobiltà). Non serve soltanto una …

Buongiorno del 17 agosto 2014

Ogni parola ha conseguenze.
Ogni silenzio anche.

J. P. Sartre

Buonanotte del 16 agosto 2014

Il miglior lettore non è chi legge più libri, ma chi trova più cose in quello che legge.

Juan Villoro

Jan Sluijters

Immagine
Jan Sluijters (1881-1957) Maannacht 1910

Estate

Improvvisamente fu piena estate
Improvvisamente fu piena estate.
I campi verdi di grano, cresciuti e
riempiti nelle lunghe settimane di piogge,
cominciavano a imbiancarsi,
in ogni campo il papavero lampeggiava
col suo rosso smagliante.
La bianca e polverosa strada maestra
era arroventata, dai boschi diventati
più scuri risuonava più spossato,
più greve e penetrante il richiamo del cuculo,
nei prati delle alture, sui loro flessibili steli,
si cullavano le margherite e le lupinelle,
la sabbia e le scabbiose, già tutte in pieno rigoglio e
nel febbrile, folle anelito della dissipazione
dell’approssimarsi della morte perché
a sera si sentiva qua e là nei villaggi il chiaro,
inesorabile avvertimento delle falci in azione.

H. Hesse

Buongiorno del 16 agosto 2014

Niente inizia per caso, tutto parte da uno sguardo.

Pierluigi Vizza

Elioth Gruner

Immagine
Sydney Harbour with Fort Denison, c.1913

Camere separate

Vedi, mi sento come una persona che non ha niente da dimostrare a nessuno; che non ha strategie o tattiche o piani d’azione perché, in realtà, non mi interessa mostrarmi per quello che non sono più. So di essere anche una persona divertente, di cui è piacevole la compagnia. Ma ora vorrei lo scoprissero gli altri. E d’altra parte io potrò legarmi, in futuro, solo a quella persona che - senza che io faccia alcunché - capirà chi io sia dietro questa facciata triste e scostante. Per ora non mi va di essere divertente per il semplice fatto che non mi sento così. Non voglio sedurre nessuno. Ora, se permetti, aspetto che siano gli altri a sedurre me.
Camere separate, Pier Vittorio Tondelli

La notte

Stamane tu dormivi ancora quando mi sono svegliato. A poco a poco uscendo dal sonno, ho sentito il tuo respiro leggero e attraverso i capelli che ti nascondevano il viso ho visto i tuoi occhi chiusi. Ho sentito la commozione che mi saliva dalla gola e avevo voglia di gridare e svegliarti perché la tua stanchezza era troppo profonda e mortale. Nella penombra la pelle della tue braccia e della tua gola era viva e io la sentivo tiepida e asciutta: volevo passarvi sopra le labbra ma il pensiero di poter turbare il tuo sonno e di averti ancora sveglia fra le mia braccia mi tratteneva. Preferivo averti così come una cosa che nessuno poteva togliermi perché ero il solo a possederla, una tua immagine per sempre. Oltre il tuo volto vedevo qualcosa di più puro, di più profondo in cui mi specchiavo: vedevo te in una dimensione che comprendeva tutto il mio tempo da vivere, tutti gli anni futuri e tutti quelli che ho vissuto prima di conoscerti, ma già preparato a incontrarti. Questo era il picco…

Buongiorno del 15 agosto 2014

Nella vita esistono tre tragedie. La prima è la mancata realizzazione di un desiderio, la seconda è la sua realizzazione e la terza è l’assenza di ogni desiderio.
Bik featuring G.B. Show

Buonanotte del 14 agosto 2014

Noi non siamo solo quello che mangiamo e l’aria che respiriamo. Siamo anche le storie che abbiamo sentito, le favole con cui ci siamo addormentati da bambini, i libri che abbiamo letto, la musica che abbiamo ascoltato e le emozioni che un quadro, una statua, una poesia ci hanno dato.
Tiziano Terzani

John Singer Sargent

Immagine
Seascape, 1875

Sono

Sono stupito deluso, e contento di me, sono afflitto depresso ed entusiasta. Sono tutte queste cose insieme e non so tirare le somme. Sono incapace di stabilire se alla fine valgo o non valgo, non ho un giudizio da dare su me stesso e sulla mia vita. Non c’è nulla di cui mi senta veramente sicuro. Quando Lao Tzu afferma, “Tutti sono chiari e io sono offuscato”, esprime quello che provo io ora; nella mia vecchiaia e nella mia età avanzata. Eppure ci sono così tante cose che mi riempiono: le piante, gli animali, le nuvole, il giorno e la notte, e l’eterno che è nell’uomo. Quanto più mi sono sentito insicuro di me stesso, tanto più è cresciuto in me un senso di affinità con tutte le cose. Anzi, è come se quel senso di alienazione, che per tanto tempo mi ha separato dal mondo, si fosse adesso trasferito nel mio mondo interiore, rivelandomi una insospettata estraneità a me stesso.
Carl Gustav Jung

Buongiorno del 14 agosto 2014

Un uccello posato su un ramo non ha mai paura che il ramo si rompa, perché la sua fiducia non è nel ramo, ma nelle sue ali.

Buonanotte del 13 agosto 2014

Per la solitudine ci vuole allenamento. Serve una certa attitudine per scegliere la propria compagnia sincera, piuttosto che cento compagnie di circostanza.
Paola Felice

William Littlewood

Immagine
William Littlewood (British, 1893-1985), Edge of the Wood (End of the Year), c.1960

Le confessioni

Ma cielo e terra ti comprendono forse, perché tu li colmi? o tu li colmi, e ancora sopravanza una parte di te, perché non ti comprendono? E dove riversi questa parte che sopravanza di te, dopo aver colmato il cielo e la terra? O non piuttosto nulla ti occorre che ti contenga, tu che tutto contieni, poiché ciò che colmi, contenendo lo colmi? Davvero non sono i vasi colmi di te a renderti stabile. Neppure sei spezzassero, tu ti spanderesti; quando tu ti spandi su di noi, non tu ti abbassi, ma noi elevi, non tu ti disperdi, ma noi raduni. Però nel colmare, che fai, ogni cosa, con tutto te stesso lo colmi. E dunque, se tutti gli esseri dell’universo non riescono a comprendere tutto il tuo essere, comprendono di te una sola parte, e la medesima parte tutti assieme? oppure i singoli esseri comprendono una singola parte, maggio re i maggiori, minore i minori? Dunque, esisterebbero parti di te maggiori, altre minori? o piuttosto tu sei intero dappertutto, e nessuna cosa ti comprende per inte…

Buongiorno del 13 agosto 2014

Non esiste scelta che non comporti una perdita.

Jeannette Winterson, Non ci sono solo le arance

Buonanotte del 12 agosto 2014

Tre cose occorrono per essere felici: essere imbecilli, essere egoisti e avere una buona salute; ma se vi manca la prima, tutto è finito.
Gustave Flaubert, Corrispondenza

Louis Aston Knight

Immagine
Rio St. Aponal, Venice by Louis Aston Knight (French-born American, 1873—1948)

Buongiorno del 12 agosto 2014

Il mondo non finirà mai per mancanza di meraviglie, ma soltanto quando l’uomo cesserà di meravigliarsi.
G. K. Chesterton

Buonanotte del 11 agosto 2014

La musica sembra alleviare il dolore, sembra motivare il cervello.

Pink Floyd

Lucien Lévy-Dhurmer

Immagine
Venise

Buongiorno del 11 agosto 2014

Presta a tutti il tuo orecchio, a pochi la tua voce.

William Shakespeare

Buonanotte del 10 agosto 2014

Siamo tutti feriti a quanto pare, alcuni di noi più di altri. Ci portiamo dentro le ferite dell’infanzia, poi da adulti restituiamo quello che abbiamo ricevuto. In fin dei conti tutti noi feriamo qualcuno. E poi ci mettiamo all’opera per rimediare, per quanto possiamo.
Grey’s Anatomy

Piet Mondrian

Immagine

Cambiare

Non possiamo cambiare neppure una virgola del nostro passato, né cancellare i danni che ci furono inflitti nell’infanzia. Possiamo però cambiare noi stessi,”riparare i guasti”, riacquisire la nostra integrità perduta. Possiamo far questo nel momento in cui decidiamo di osservare più da vicino le conoscenze che riguardano gli eventi passati e che sono memorizzate nel nostro corpo, per accostarle alla nostra coscienza. Si tratta indubbiamente di una strada impervia, ma è l’unica che ci dia la possibilità di abbandonare infine la prigione invisibile – e tuttavia così crudele – dell’infanzia e di trasformarci, da vittime inconsapevoli del passato, in individui responsabili che conoscono la propria storia e hanno imparato a convivere con essa.
Alice Miller

Buongiorno del 10 agosto 2014

La sola cosa che si possiede è l’amore che si dà.

I. Allende

Buonanotte del 9 agosto 2014

Tutti a cercare la decisione giusta, la cosa giusta, la strada giusta…
non esistono cose, decisioni o strade giuste esistono solo le intenzioni giuste.

Isabelle Dyckerhoff

Immagine

Malpertuis

Da questo punto di vista secondo me viviamo tempi molto interessanti per quanto riguarda lo sviluppo dell’attitudine critica nell’uomo: lo spettatore/ascoltatore medio che protesta pubblicamente, sdegnatissimo, contro il pirataggio di film o della musica; adulti che guardano pellicole indecenti quali Pacific Rim e, se provi a fargli notare una ventina di punti per cui quel prodotto funziona malissimo, ti rispondono, quale culmine del loro ragionamento, che “non ti sai divertire, i robottoni fan tornare il bambino dentro”; lo short attention span elevato a filosofia di vita; consumatori (consumatori eh, non dipendenti) che applaudono Amazon spellandosi le mani e sbavano su rapidità di consegna e sconti, tappandosi occhi, orecchie e cervello su quel che significa comprare presso questo ignobile gigante, passi per gli “scrittori” che ci “pubblicano” i loro “libri”, lo posso capire, chi mai parlerebbe male dell’unico editore che li caga, ma i semplici consumatori, alcuni dei quali anche …

Buongiorno del 9 agosto 2014

Quando si chiude una porta, si può aprire di nuovo, perché di solito è così che funzionano le porte.

Albert Einstein

Buonanotte del 8 agosto 2014

Però è strano che non organizzino mai concorsi di bellezza interiore.

David Grossman

Buongiorno del 8 agosto 2014

Sta a te: puoi credere di farcela o credere di non farcela. In entrambi i casi i fatti ti daranno ragione.

Henry Ford

Buonanotte del 7 agosto 2014

Io sono uno che parla troppo poco, questo è vero, ma nel mondo c’è già tanta gente che parla, parla, parla sempre, che pretende di farsi sentire e non ha niente da dire.
Luigi Tenco

13 Spunti per la Vita

1 - Ti amo non per chi sei ma per chi sono io quando sono con te. 2 - Nessuna persona merita le tue lacrime, e chi le merita sicuramente non ti farà piangere. 3 - Il fatto che una persona non ti ami come tu vorresti non vuol dire che non ti ami con tutta se stessa. 4 - Un vero amico è chi ti prende per la mano e ti tocca il cuore. 5 - Il peggior modo di sentire la mancanza di qualcuno è esserci seduto accanto e sapere che non l’avrai mai. 6 - Non smettere mai di sorridere, nemmeno quando sei triste, perché non sai chi potrebbe innamorarsi del tuo sorriso. 7 - Forse per il mondo sei solo una persona, ma per qualche persona sei tutto il mondo. 8 - Non passare il tempo con qualcuno che non sia disposto a passarlo con te. 9 - Forse Dio vuole che tu conosca molte persone sbagliate prima di conoscere la persona giusta, in modo che, quando finalmente la conoscerai, tu sappia essere grato. 10 - Non piangere perché qualcosa finisce, sorridi perché è accaduta. 11 - Ci sarà sempre chi ti critic…

Buongiorno del 7 agosto 2014

Nella vita ci sono cose che ti cerchi e altre che ti vengono a cercare. Non le hai scelte e nemmeno le vorresti, ma arrivano ..e dopo non sei più uguale. A quel punto le soluzioni sono due: o scappi cercando di lasciartele alle spalle o ti fermi e le affronti. Qualsiasi soluzione tu scelga, ti cambia, e tu hai solo la possibilità di scegliere se in bene o in male…
Giorgio Faletti

Buonanotte del 6 agosto 2014

Se hai costruito castelli in aria, il tuo lavoro non deve andare perduto.
Essi si trovano esattamente dove devono stare.Ora, gèttaci sotto le fondamenta.

Henry Thoreau

Peter Rotter

Immagine
After the Storm

Metafisica dei tubi

Gli occhi degli esseri viventi possiedono la più straordinaria delle proprietà: lo sguardo. Nulla è più eccezionale dello sguardo. Quando parliamo delle orecchie delle creature non diciamo che hanno un “ascoltardo”, oppure, delle loro narici, che hanno un “sentardo” o un “annusardo”. Cos’è lo sguardo? È qualcosa di inesprimibile. Nessuna parola esprime, neanche lontanamente, la sua strana essenza. Eppure lo sguardo esiste. Poche sono le realtà che hanno un tale livello di esistenza. Che differenza c’è fra occhi che possiedono uno sguardo e occhi che ne sono sprovvisti? Questa differenza ha un nome: si chiama vita. La vita inizia laddove inizia lo sguardo. Dio non aveva sguardo.
A. Nothomb, Metafisica dei tubi, Roma 2002

Buongiorno del 6 agosto 2014

Con gli anni passiamo dal percepire settimane lunghe come anni, quando siamo solo dei bambini, a vedere i mesi scivolare via come le ore. Il tempo, allora, non passa via e basta, ma ci si accumula dentro, cambiando la percezione che abbiamo di lui.

Buonanotte del 5 agosto 2014

Il cambiamento non è mai doloroso. Solo la resistenza al cambiamento lo è.

Budda

La forza della gentilezza

Il dolore in varia misura è un compagno di viaggio con il quale prima o poi dobbiamo avere a che fare. Però non tutti i suoi effetti sono tragici. Quando è affrontato in maniera onesta e forte, il dolore può offrire frutti d’importanza straordinaria. Il dolore scava dentro di noi, ci apre, spesso in maniera violenta, ci fa maturare, ci fa scoprire emozioni e risorse che non sapevamo di possedere, sviluppa la nostra sensibilità e forse anche la nostra umiltà e la nostra saggezza, ed è un severo richiamo a ciò che nella vita è essenziale. Il dolore ci può aprire agli altri. Soffrendo si può diventare più duri e cinici, ma si può anche diventare più gentili.
P. Ferrucci, La forza della gentilezza, Milano 2005, p. 87

Buongiorno del 5 agosto 2014

L’uomo privilegiato politicamente o economicamente è un uomo intellettualmente e moralmente corrotto. È questa una legge sociale che non ammette eccezioni.
Michail Bakunin

Buonanotte del 4 agosto 2014

E se nessuno ti parla, allora ti tocca pensare. E io non facevo altro, allora. Pensavo tanto che mi faceva male la gola, perché è lì che si fermano le tristezze.
Stefano Benni - La Grammatica di Dio

L’uomo senza qualità

Negli anni della maturità pochi uomini sanno, in fondo, come son giunti a se stessi, ai propri piaceri, alla propria concezione del mondo, alla propria moglie, al proprio carattere e mestiere e loro conseguenze, ma sentono di non poter più cambiare di molto. Si potrebbe sostenere persino, che sono stati ingannati; infatti è impossibile scoprire una ragione sufficiente per cui tutto sia andato proprio così come è andato; avrebbe anche potuto andare diversamente; essi hanno influito pochissimo sugli avvenimenti, che per lo più sono dipesi da circostanze svariate, dall’umore, dalla vita, dalla morte di tutt’altri individui; e solo in quel dato momento si sono abbattuti su di loro. Quand’erano giovani la vita si stendeva loro dinanzi come un mattino senza fine, colmo di possibilità e di nulla, e già al meriggio ecco giungere all’improvviso qualcosa che pretende di essere ormai la loro vita; e tutto ciò è così sorprendente come vedersi davanti tutt’a un tratto una persona con la quale sia…

Buongiorno del 4 agosto 2014

Ridere, io trovo che ridere è una cura, è parte della guarigione. Per cui il consiglio che do a tutti è cominciare con una grande risata e finire con una grande risata.
Tiziano Terzani

Buonanotte del 3 agosto 2014

Esiste un modo infallibile per svalutare una cosa che si desidera: ottenerla. Questa terribile regoletta vale per tutto: per il successo, per il denaro, per l’amore. Ma c’è un’altra regoletta altrettanto inesorabile. Per valutare esattamente una cosa o una persona bisogna perderla.
Vittorio Buttafava

Fisica della malinconia

La fisica della malinconia - all’inizio la fisica classica - ha rappresentato un oggetto dei miei interessi nel corso di alcuni anni. La malinconia, come i gas e i vapori, non possiede una consistenza e una forma propria, ma assume la forma e la consistenza del recipiente o dello spazio che occupa. Chi sa se appartiene ai gas nobili? Piuttosto no, per quanto ci possa affascinare l’aggettivo. I gas nobili sono omogenei e puri, monoatomici, e inoltre non hanno odore né colore. No, la malinconia non è elio, cripton, argon, xeno, radon… Ha odore e colore. Un gas camaleonte, che cambia tutti i colori e gli odori del mondo, come i diversi colori e odori possono facilmente provocarla.
Georgi Gospodinov

Buongiorno del 3 agosto 2014

Ma naturalmente, per capire i cambiamenti della gente, bisogna amarla.

Pier Paolo Pasolini

Buonanotte del 2 agosto 2014

Nessuna notte buia potrà impedire al sole di sorgere.

Jim Morrison

Alexei Savrasov

Immagine
Evening. Migration of birds, 1874

Le onde

Ci sono tanti altri che soffrono - moltitudini di gente che soffre. Neville soffre. Amava Percival. Ma non riesco più a sopportare le situazioni estreme, voglio qualcuno con cui ridere, sbadigliare, ricordare come si grattava la testa; qualcuno con cui egli stava a suo agio, che gli piaceva (non Susan, che amava; Jinny piuttosto). Nella stanza di lei potrei scontare i miei peccati. Le potrei chiedere: “Ti ha detto che mi sono rifiutato di andare con lui a Hampton Court, quel giorno me l’ha chiesto?” Ecco i pensieri che mi svegliano in preda all’angoscia nel cuore della notte - i crimini che si vorrebbe scontare a capo scoperto in una piazza qualsiasi del mondo: non essere andato a Hampton Court quel giorno.
Virginia Woolf

Buongiorno del 2 agosto 2014

Non sono uno sciocco da pensare che tutto potrà essere come prima, né di cercare di farlo credere a te. Ma se mi concedi una considerazione per niente originale, affidati al tempo e alle persone che ti vogliono bene. Non serve a cambiare le cose, ma aiuta a sopportarle. Se ti servo, sai che io sono qui.
Giorgio Faletti ”Niente di vero tranne gli occhi”

La morte che non fa paura

Nulla ci sconvolge più di una morte improvvisa, il principale terrore dell'esistenza umana. L'uomo occidentale, figlio di una civiltà ottimistica, vive facendo finta che la morte non ci sia o, se pure c'è, riguardi un lontano futuro. Invece la tradizione giapponese invita a trovarsi sempre pronti a una fine inattesa. Una delle sentenze più note dei samurai recita: "Ridestandoti al mattino, sii pronto a morire". Non per darsi un'aria più solenne, ma perché questo acuisce le sensazioni e risveglia la mente; il punto è che è assai temibile morire alla sprovvista... Il principale sogno dell'umanità è sbarazzarsi della paura delle morte, e al contempo di tutte le altre paure. Questo significa non sopprimere in generale la morte, bensì eliminare la morte improvvisa, imprevedibile e prematura, che si abbatte sull'individuo quando non è ancora sazio della vita e non ha compiuto ciò per cui è destinato. Sottomettere la morte, in fin dei conti è appunto questo…

Buongiorno del 1 agosto 2014

Le coincidenze sono l’alibi dei bugiardi.

D. Cacopardo

Etichette