27 luglio 2016

Luiza Vizoli


“Red Poppies” by Luiza Vizoli

Pronto soccorso

E allora tu, giovane scrittore, hai qualcosa da dire, o credi soltanto di avere qualcosa da dire? Se ce 1'hai, nulla potrà impedirti di dirlo. Se sei in grado di pensare cose che al mondo piacerebbe sentire, la forma stessa del pensiero già ne è l'espressione. Se pensi con chiarezza, scriverai con chiarezza; se i tuoi pensieri sono meritevoli, altrettanto meritevole sarà la tua scrittura. Ma se il tuo modo di esprimerti è scadente, è perché i tuoi pensieri sono scadenti; se è limitato, è perché tu sei limitato. Se hai le idee confuse e ingarbugliate, come puoi aspettarti di esprimerle con lucidità? Se le tue conoscenze sono scarse o poco sistematiche, come possono le tue parole essere chiare o logiche? E senza il robusto sostegno di una filosofia operativa, come puoi fare ordine nel caos? Come fai a compiere previsioni e valutazioni chiare? Come puoi percepire a livello qualitativo e quantitativo l'importanza relativa di ogni briciola di conoscenza che possiedi? E senza tutto questo come puoi essere mai te stesso? Come fai ad avere qualcosa di originale da proporre all'orecchio ormai sazio del mondo?
L 'unico modo per conquistarsi questa filosofia è cercarla, estraendo dalla conoscenza e dalla cultura del mondo i materiali che vanno a comporla. Che cosa sai del mondo al di sotto della sua superficie ribollente? Che cosa sai delle bolle se non comprendi le forze che operano nelle profondità del calderone? Un artista può forse dipingere un Ecce Homo senza avere la minima idea della storia e dei miti ebraici, e di tutte le varie caratteristiche che messe insieme formano l' indole dell' ebreo, le sue convinzioni e i suoi ideali, le sue passioni e i suoi piaceri, le sue speranze e paure? Un musicista può forse comporre la "Cavalcata delle Valchirie" e non sapere nulla della grande epica teutonica ? Lo stesso vale per te: devi studiare. Devi arrivare a interpretare il volto della vita con intelligenza. Per comprendere le caratteristiche e le fasi di qualsiasi cambiamento, devi conoscere lo spirito che induce all'azione gli individui e i popoli, che dà vita e impulso alle grandi idee, che fa impiccare un John Brown o crocifiggere un Messia. Devi toccare con mano il pulsare più profondo delle cose. E la somma di tutto questo sarà la tua filosofia operativa, con la quale, in seguito, misurerai, soppeserai, valuterai e interpreterai il mondo. Ciò che chiamiamo individualità non è altro che questa impronta personale del punto di vista di ogni singolo individuo.

Jack London: da "Pronto soccorso per scrittori esordienti" - Edizioni Minimum Fax, 2005

Guido Piovene

agenda letteraria
Il 27 luglio del 1097, nasce a Vicenza Guido Piovene

L'albero aveva espresso un immenso vocabolario, ma la
meraviglia maggiore era che tutti i suoi vocaboli vi erano
già collegati in infiniti modi, tutti i pensieri detti in uno
stesso istante, anche se io potevo percorrerne solamente
qualcuno senza capirne il senso: lo stesso avviene
con i sogni, con gli animali e con i morti.

(Le stelle fredde)

26 luglio 2016

Buonanotte del 26 luglio 2016

L'opera umana più bella è di essere utile al prossimo.

Sofocle

Alexander Zavarin


Alexander Zavarin, a Russian landscape painter

Causa effetto

Perciò ognuno, come singola persona, è responsabile nei confronti delle proprie azioni, della propria vita e dei propri sogni. Se una cosa ti va bene, ci stai, altrimenti no. Se in un posto ti trovi bene ci stai, se non ti trovi più bene non chiedi agli altri di andarsene, te ne vai tu. Se una cosa ti fa andare avanti, vai avanti con quella, se no vai per un’altra strada senza rompere i coglioni a nessuno. Se rimani da solo, pazienza. Non è una cosa di cui vergognarsi. Se trovi degli altri con cui condividere i tuoi sogni e le tue aspirazioni, vai avanti con quelli e ti inventi qualcosa. Non vedo altro modo libero e pulito di andare.

Antonio Moresco

Carlo Sgorlon

agenda letteraria
Il 26 luglio del 1930, nasce a Cassacco, Carlo Sgorlon


La guerra, cammina 
cammina, dopo aver girato
per l'Africa, i Balcani, la Russia, 
la Scandinavia, la Francia
era arrivata anche in 
Friuli, e adesso Dio solo sapeva
cosa sarebbe successo. 
La guerra era come la grandine,
che girava a capriccio, 
e a chi toccava toccava.

(L'armata dei fiumi perduti)

25 luglio 2016

Buonanotte del 25 luglio 2016

Quando gli uomini sono puri, le leggi sono superflue;
quando gli uomini sono corrotti, le leggi sono infrante.

Benjamin Disraeli

Arkhip Kuindzhi


Arkhip Kuindzhi, After a Rain c.1879

Heiner Muller

"Era ovvio che il capitalismo avrebbe vinto. C’è solo un problema: alla lunga, il capitalismo riduce tutto a merce, e in fondo rivela la propria barbarie. Perciò il capitalismo ha bisogno, per sopravvivere, di un po’ di cultura, e la cultura può venire solo da chi coltiva pensieri utopici, magari socialisti. Il capitalismo che oggi ha vinto, prima o poi, dovrà investire una parte del suo denaro in qualche nuova forma di socialismo"

Heiner Muller, grande drammaturgo tedesco-orientale scomparso nel 1995

Frantz Fanon

agenda letteraria
Il 25 luglio del 1925 nasce a Fort-de-France lo scrittore martinicano di lingua francese Frantz Fanon


Il colonizzato scopre che la sua vita,
il suo respiro, i battiti del suo cuore
sono gli stessi di quelli del colono
Scopre che una pelle di colono
non vale più della pelle
di un indigeno.
E' facile immaginare come
questa scoperta introduca
una scossa essenziale nel mondo.


(I dannati della terra)

24 luglio 2016

Buonanotte del 24 luglio 2016

Possiamo essere liberi solo se tutti lo sono.

G. W. F. Hegel

Paul Klee


Mountain Formation (1924)

Il coraggio di vivere

Senza voler togliere nulla a quel genere di coraggio che porta alcuni uomini a morire, non dobbiamo dimenticare quegli atti di coraggio grazie ai quali gli uomini vivono; il coraggio della vita quotidiana è spesso uno spettacolo meno grandioso del coraggio di un atto definitivo, ma resta pur sempre una miscela magnifica di trionfo e di tragedia…Un uomo fa il suo dovere, a dispetto delle conseguenze personali, nonostante gli ostacoli, i pericoli e le pressioni, e questo è il fondamento della moralità umana; in qualsiasi sfera dell’esistenza un uomo può essere costretto al coraggio, quali che siano i sacrifici che affronta seguendo la proprio coscienza: la perdita dei suoi amici, della sua posizione, delle sue fortune e persino la perdita della stima delle persone che gli sono care. Ogni uomo deve decidere da sé stesso qual è la via giusta da seguire; le storie che si raccontano sul coraggio degli altri ci insegnano molte cose, possono offrirci una speranza, possono farci da modello, ma non possono sostituire il nostro coraggio… per quello ogni uomo deve guardare nella propria anima.

John Fitzgerald Kennedy

23 luglio 2016

Buonanotte del 23 luglio 2016

La guerra è stata vinta,
ma non la pace.

Albert Einstein

Johann Jungblut


River landscape in the evening, Johann Jungblut. Germny (1860 - 1912)

Kostas Kariotakis

il sabato poesia

Noi siamo cetre...

Noi siamo cetre un poco sgangherate.
Il vento, quando passa sulle corde,
come catene sospese, risveglia
dei versi, dei rumori dissonanti.
Noi siamo antenne un poco singolari.
Come dita s’innalzano nel caos,
in cima ad esse echeggia l’infinito,
ma ben presto cadranno giù, spezzate.
Noi siamo sensazioni un po’ disperse
senza speranza di concentrazione.
Nei nostri nervi tutto si confonde.
Ci duole il corpo, duole la memoria.
Ci scacciano le cose, e la poesia
è il rifugio che sempre più invidiamo.

22 luglio 2016

Samantha Keely Smith



Cavie

Quello italiano, oltre a essere un popolo di santi e navigatori, è infatti pure un Paese di cavie. Una media, nella sola Svizzera del Canton Ticino, di 200 all'anno (in passato si sono toccate punte di 500): almeno la metà può fregiarsi dello status di fedelissimo, grazie a un regolare pellegrinaggio nella mecca delle medicine del futuro. Di solito non si va oltre le 3-4 trasferte. Ma c'è anche chi sceglie di essere un habitué dei laboratori, riuscendo a guadagnare bene. La paga, in tempi di crisi, non è affatto malvagia: retribuzione media tra i 600 euro (per un impegno di 2-3 giorni) fino a tremila euro (per test che possono durare varie settimane). Circa i rischi della sperimentazione farmacologica su soggetti umani il dibattito è aperto da sempre, ma spesso sui media impera la confusione. Ad esempio: può una nuova molecola essere testata su una cavia umana senza prima averla «provata» su una cavia animale? «No - chiarisce Zanini -. Qualsiasi molecola va prima studiata chimicamente in laboratorio, poi studiata su una cavia animale e infine - se gli esiti dei primi due step hanno garantito determinati esiti - somministrata alla cavia umana». Quando c'è il via libera a questa terza opzione, la sperimentazione si suddivide in altre tre sottocategorie. Una fase 1 legata alla tolleranza (cui sono coinvolte decine di cavie umane), una fase 2 legata all'effetto (cui sono coinvolte centinaia di cavie) e una fase 3 legata all'utilità e all'efficacia della molecole (cui sono coinvolte migliaia di cavie). Solo se anche questa terza fase va a buon fine, la molecola viene commercializzata.

— Dall’articolo “Ogni anno l'Italia ‘esporta’ 200 uomini cavia in Svizzera" di Nino Materi

21 luglio 2016

Buonanotte del 21 luglio 2016

Io non voglio cancellare il mio passato, perchè nel bene o nel male mi ha reso quello che sono oggi. Anzi ringrazio chi mi ha fatto scoprire l’amore e il dolore, chi mi ha amato e usato, chi mi ha detto ti voglio bene credendoci e chi invece l’ha fatto solo per i suoi sporchi comodi. Io ringrazio me stesso per aver trovato sempre la forza di rialzarmi e andare avanti, sempre.

Oscar Wilde