Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2016

Buonanotte del 31 agosto 2016

Nel piccolo mondo in cui vivono i bambini, chiunque sia ad allevarli, nulla è percepito e avvertito più distintamente dell'ingiustizia.
Charles Dickens

Resistenza

Per fare Resistenza è sufficiente tenere basso il volume della radio, pagare le tasse, accettare la vecchiaia, dire di no quando ci chiedono di lavorare senza soldi, opporsi alla camorra, essere severi con chi gestisce i soldi pubblici, andare a teatro e vivere più vite possibili, insegnare a un bambino a disegnare il tracciato del gioco dell’oca inventandosi le caselle, telefonare a tuo padre la sera e tenere in considerazione che è facile vivere quando si è bianchi, occidentali, normodotati, eterosessuali e cristiani.
hotelmessico

Goffredo Parise

Immagine
Il 31 agosto del 1986, muore a Treviso Goffredo Parise


Inutile dire che anche Tom, come tutti coloro che sono belli, giovani, e appartenenti a una grande ricca famiglia o a un grande e ricco paese, era povero ma felice. Egli, come tutte le persone felici, sapeva a malapena di essere povero e non sapeva affatto di essere felice. Mangiava si e no una volta al giorno...
(Sillabario n. 2)

Buonanotte del 30 agosto 2016

Non esistono rischi della rete oltre ai tipi previsti dalla legge, almeno quelli che restano non sono né anonimi, né astratti né proprio della rete. Internet ha un solo giustiziere con la mira precisa, chi ti rovina la vita è lo stesso di tutti i giorni, il nemico di sempre: tu.

Buonanotte del 29 agosto 2016

Ma perché prendere le cose tanto sul serio? È forse per l'eternità tutto ciò che facciamo? Non ci vestiamo forse la mattina per spogliarci la sera di nuovo? Non partiamo per tornare?
— Goethe

Uomo invisibile

Lo so che non c'è niente che sia come quello che ho passato io, e dunque non lo posso spiegare. È come quando un gran bevitore prende una sbronza, o quando una gran santa religiosa e beata si scalda talmente che salta fuori dai vestiti, o quando un gran giocatore continua a giocare anche se perde. Ce l'hai nelle mani, e non la lasci andare anche se invece vuoi.
— R. Ellison, Uomo invisibile, Torino 2009, p. 65

Buonanotte del 28 agosto 2016

Quando c’è una tempesta e stai di fronte a un albero… Se guardi ai suoi rami, giureresti che stia per cadere. Ma se guardi al tronco, vedrai la sua forza.
— The Revenant

Mayo Bucher

Immagine
Mayo Bucher (Swiss, b. 1963), Red Over Black, 2001

Daria Menicanti

Immagine
Epigramma per il cuore

Se il cuore è innamorato
il fracasso che fa.
Io non capisco come mai la gente
non se ne avveda mentre quello va
tambureggiando sospeso nel petto
e non sosti interdetta a domandarsi
qual che si sia e chi fa.

Buonanotte del 26 agosto 2016

Tutte le arti contribuiscono all'arte più grande di tutte: quella di vivere.

- Bertolt Brecht

Julio Cortàzar

Immagine
Il 26 agosto del 1914, nasce a Bruxelles il poeta e narratore argentino Julio Cortàzar


[...] Non imparerò per questo a meglio amarti, però sloggiato dalla felicità, saprò quanta me ne davi a volte soltanto standomi nei pressi. [...]
(Se devo vivere)

Buonanotte del 25 agosto 2016

In realtà, ogni lettore, quando legge, è soltanto il lettore di se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una sorta di strumento ottico ch'esso offre al lettore per permettergli di scorgere ciò che forse, senza il libro, non avrebbe veduto in lui stesso.
— M. Proust

Tatiana Iliina

Immagine
Game for Two” by Tatiana Iliina

Le precauzioni inutili

Ora che lui è partito, e non si farà vivo più, scomparso, cancellato via dal quadrante della vita esattamente come se fosse morto, a lei, Irene, non resta che armarsi di tutto il coraggio che una donna può chiedere a Dio e sradicare tutti i rami per cui quello sfortunato amore si è attaccato alle sue viscere. E’ sempre stata una ragazza forte, Irene, questa volta non sarà da meno. E’ fatto! Meno tremendo di quanto lei pensasse; e meno lungo. Non sono passati neanche quattro mesi, ed eccola completamente liberata. Un poco più magra, più pallida, più diafana, però leggera, col languore soave della convalescenza dentro cui già palpitano vaghe illusioni nuove. Oh è stata brava, eroica è stata, ha saputo essere crudele con se stessa, ha respinto con accanimento tutte le lusinghe dei ricordi, ai quali sarebbe stato pur dolce abbandonarsi. Distruggere tutto ciò che di lui restava nelle sue mani, fosse pure uno spillo, bruciare le lettere e le foto, buttar via i vestiti indossati quando c’er…

Umberto Saba

Immagine
Il 25 agosto del 1957, muore a Gorizia Umberto Saba


Amai trite parole che non uno osava. M'incantò la rima fiore Amore, la più antica difficile del mondo.
(Amai)

Buonanotte del 24 agosto 2016

Viviamo per desiderare, e così farò anch'io, e balzerò giù da questa montagna sapendo tutto alla perfezione o non sapendo tutto alla perfezione pieno di splendida ignoranza in cerca di una scintilla altrove.
— Jack Kerouac, Angeli di desolazione

Buonanotte del 23 agosto 2016

Un uomo si confonde, gradatamente, con la forma del suo destino; un uomo è, alla lunga, ciò che lo determina. Più che un decifratore o un vendicatore, più che un sacerdote del dio, io ero un prigioniero.
— Jorge Luis Borges, L'Aleph

Piccolo manuale di autodifesa verbale

Il nostro peggior nemico non è là fuori nel mondo: il nostro peggior nemico è il cemento nella nostra testa. Rabbia, paure, invidia, gelosia, delusione e amarezza: nessuno può provocarvi tali stati d’animo dall’esterno. Nessuno può farvi arrabbiare, se non voi stessi. Ma può farlo anche quello che pensate di una determinata persona. Nessuno può far sì che vi sentiate male. Siete voi a decidere di farlo semplicemente accettando di nutrire pensieri aggressivi senza che nessuno ve lo abbia chiesto.
— Barbara Berckhan

Buonanotte del 22 agosto 2016

A volte devi indietreggiare di uno o due passi, riconsiderare, staccare per un mese.
Non fare niente, non volere niente.
La pace è fondamentale, il ritmo è fondamentale.
Qualsiasi cosa tu voglia non l’avrai provandoci con troppa insistenza.

— Charles Bukowski

Stanislav Bojankov

Immagine

Palmiro Togliatti

Immagine
Il 22 agosto del 1964, muore a Yalta Palmiro Togliatti leader storico del Partito Comunista Italiano


Veniamo da molto lontano e andiamo molto lontano! Senza dubbio! Il nostro obiettivo è la creazione nel nostro Paese di una società di liberi e di eguali, nella quale non ci sia sfruttamento da parte di uomini su altri uomini.
(Discorso, 26 settembre 1947)

Buonanotte del 21 agosto 2016

Non sai bene se la vita è viaggio, se è sogno, se è attesa, se è un piano che si svolge giorno dopo giorno e non te ne accorgi se non guardando all’indietro. Non sai se ha senso. In certi momenti, il senso non conta. Contano i legami.
— Jose Luis Borges

Dora Maar

Immagine
Dora Maar (French, 1907-1997), Composition

Stoner

Poi, sorridendo con aria malevola, si rivolse a Stoner. «Non credere di scappare, amico mio. Ora tocca a te. Chi sei tu, veramente? Un umile figlio della terra, come ti ripeti davanti allo specchio? Oh, no. Anche tu sei uno dei malati: sei il sognatore, il folle in un mondo ancora più folle di lui, il nostro Don Chisciotte del Midwest, che vaga sotto il cielo azzurro senza Sancho Panza. Sei abbastanza intelligente, di certo più del nostro comune amico. Ma in te c'è il segno dell'antica malattia. Tu credi che ci sia qualcosa qui, che va trovato. Nel mondo reale scopriresti subito la verità. Anche tu sei votato al fallimento. Ma anziché combattere il mondo, ti lasceresti masticare e sputare via, per ritrovarti in terra a chiederti cos'è andato storto. Perché ti aspetti sempre che il mondo sia qualcosa che non è, qualcosa che non vuole essere. Sei il maggiolino nel cotone, tu. Il verme nel gambo del fagiolo. La tignola nel grano. Non riusciresti ad affrontarli, a combatterli…

Buonanotte del 20 agosto 2016

Accade che le affinità d'anima non giungano ai gesti e alle parole ma rimangano effuse come un magnetismo. È raro ma accade.
— Eugenio Montale, Ex Voto

Christian Rohlfs

Immagine
Christian Rohlfs (German, 1849-1938), Weiße Wolke überm See

Mario Luzi

Immagine
Da dove ci chiamano i rimorsi?
assenza,
assenza non sa il cuore di chi
né di che ima
perdutissima sostanza.
Sa solo che è incolmabile
quel vuoto, quella lacuna
non fosse il dilagare,
talora, d’una fervida
celestiale sovrabbondanza.

Buonanotte del 19 agosto 2016

Dimenticare il dolore è difficilissimo, ma ricordare la dolcezza lo è ancor di più. La felicità non ci lascia cicatrici da mostrare. Dalla quiete impariamo così poco.
— Diary, Chuck Palahniuk

Michel Keck

Immagine

Correzione

Bisogna potersi alzare e andarsene da tutte le compagnie che non servono a niente […] bisogna avere la forza e il coraggio e la durezza, anche contro se stessi, di lasciarsi alle spalle tutte queste persone e queste menti ridicole, inutili, ottuse e inspirare, espirare tutto ciò che abbiamo lasciato indietro e inspirare qualcosa di nuovo. […] Bisogna avere il coraggio e la forza di troncare con compagnie simili, con le conversazioni, con i crimini verbali e così via nei quali siamo stati coinvolti contro la nostra volontà in qualsiasi circostanza, […] per salvarsi bisogna poter mettere in fuga la propria mente sempre, in qualsiasi momento, ovunque ci troviamo, cercare rifugio fuori.
— Thomas Bernhard

Buonanotte del 18 agosto 2016

Ogni paziente in terapia porta con sè tre storie: la storia che desidera raccontare, la storia che desidera tenere nascosta fintanto che non si senta abbastanza sicuro da dirla e la storia che inavvertitamente rivela attraverso i suoi gesti.
— Lichtneberg, 2008

Lowell Birge Harrison

Immagine
The Evening Star - Lowell Birge Harrison (1854–1929)

Elsa Morante

Immagine
Il 18 agosto 1912, nasce a Roma Elsa Morante


Uno dei miei primi vanti era stato il mio nome. Avevo presto imparato (fu "lui", mi sembra, il primo ad informarmene), che Arturo è una stella: la luce più rapida e radiosa della figura di Boote, nel cielo boreale! E che inoltre questo nome fu portato da un re dell'antichità, comandante a una schiera di fedeli: i quali erano tutti eroi, come il loro re stesso, e dal loro re trattati alla pari, come fratelli.
(L'isola di Arturo)

Buonanotte del 17 agosto 2016

Perché essere difficili quando con un piccolo sforzo si può essere impossibili?

— Buster Keaton

Libri

Se sei intrappolato in una situazione impossibile, in un posto sgradevole, e qualcuno ti offre una via di fuga temporanea, perché non dovresti prenderla? I libri fanno questo: aprono una porta, mostrano la luce fuori. E più importante ancora, durante la fuga i libri possono farti conoscere il mondo e la tua stessa condizione, ti danno armi, ti danno un'armatura, cose che puoi portarti dietro quando devi tornare in prigione. Le abilità e la conoscenza sono strumenti che puoi usare per fuggire davvero. Come diceva Tolkien, le uniche persone che si arrabbiano per una fuga sono i carcerieri.
— Neil Gaiman

Buonanotte del 16 agosto 2016

I paranoici attribuiscono un’importanza enorme ai particolari più insignificanti del comportamento altrui, quelli che generalmente sfuggono alle persone normali.
— Sigmund Freud, psicopatologia della vita quotidiana

Jules Laforgue

Immagine
Il 16 agosto del 1860 nasce a Montevideo Jules Laforgue


Luna felice! Così, in quest'ora, Tu vedi il treno Del suo viaggio di nozze! Sono partiti per la Scozia. Che trappola se quest'inverno Avesse preso i miei versi sul serio Luna, Luna vagabonda Facciamo causa e usi comuni? O ricche notti! io muoio Con la provincia dentro il cuore! E la luna, brava vecchia Ha la bambagia nelle orecchie.
(da "I lamenti)

Buonanotte del 15 agosto 2016

La gente non si accorge se è estate o inverno quando è felice.

— Anton Cechov

Ludovico di Breme

Immagine
Il 15 agosto del 1820, muore a Torino Ludovico di Breme


Inerti siam noi, molli nel culto del vero e del sublime; svogliata è attualmente l'anima italiana; il tormentoso amor proprio soltanto è desto più che mai.
(Intorno all'ingiustizia di alcuni giudizi letterari italiani)

Rondini sul filo

Mi si reifica la disperazione dietro la nuca, nei giunti delle mascelle… tutto nero, disperso, la completa svalutazione dell'universo, l'unica cosa che conti, quel punto! quell'antica-nuova questione! se quel giorno mangiaron la pasta o la pizza, se lui disse bi o disse bo, se lei aveva la frangia o era senza! la presa di queste cose sull'animo mio! il potere di soggiogarmi in assoluto! che forse… è un'astuzia, per non soffermarmi su altro… terribile, che… su cose più… comunque collegate, deducibili in proporzione… tout se tient nell'incubo amaro, una frangia può già essere tutto, chi vi sappia leggere, chi la sappia ricondurre al suo sistema simbolico…
— Michele Mari

Buonanotte del 14 agosto 2016

Finiscono anche le cose belle, l'importante è che ci siano state.

— S. Casciani

Buonanotte del 13 agosto 2016

Dentro ad un abbraccio puoi fare di tutto: sorridere e piangere, rinascere e morire. 
Oppure fermarti a tremarci dentro, come fosse l’ultimo.
— C. Bukowski

Anna Buoninsegni

Immagine
Questa penna

Questa penna è per l’amore
che non scriverai
quest’abbraccio è per gli abbracci
dell’abbandono
questo sguardo è perduto
prima di vedere
questo sogno vale i sogni
che non ti sogneranno
questa penna
dovrà sempre
scrivere da sola

Buonanotte del 12 agosto 2016

Tutti credono che far niente sia una cosa facile, ma bisogna vedere questo niente come lo fanno. Socrate, Platone, Diogene, non facevano niente tutto il giorno, ma quel niente lo facevano in modo perfetto.
— Eduardo De Filippo

Ian Fleming

Immagine
Il 12 agosto del 1964, muore a Canterbury Ian Fleming


Sullo sfondo di questo palcoscenico luminoso e rutilante, Bond in piedi nel sole ebbe l'impressione che la sua missione fosse lontana e fuori luogo, e la sua professione oscura un affronto agli altri attori in scena.
(Casino Royale)

Buonanotte del 11 agosto 2016

Ho continue variazioni di umore, cioè posso passare da un ottimismo sfrenato a un pessimismo abissale nell’arco di quattro battiti cardiaci.
— Daniel Pennac

Indagine sulle feste

Ci sono tante scene cinematografiche di feste che rendono perfettamente l’idea di cosa sia una festa anche per una persona che per assurdo non ne avesse mai vista una, ma ce n’è una che mi torna sempre in mente, fortissima, persino definitiva. È una festa in una casa di campagna in un bellissimo film francese di Oliver Assayas ambientato negli anni Settanta con protagonisti due adolescenti della provincia parigina che si chiama L’eau froide (1994). In questa grande casa, che sembra disabitata, abbandonata, si trovano ragazzi e ragazze ripresi dalla telecamera senza una direzione precisa; ci sono i baci, c’è la droga, si accende un falò sul prato davanti alla costruzione. Un pezzo dei Credence Clearwater Revival (“Up Around The Bend”) messo sul giradischi rompe la narcosi collettiva. Alcuni ragazzi iniziano a frantumare i vetri delle finestre con le sedie e poi a buttare le sedie nel falò, con la fiamma che diventa sempre più alta e incontrollata. Altri ragazzi iniziano a uscire di co…

Buonanotte del 10 agosto 2016

E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica.
— Friedrich Nietzsche

Hiroshi Matsumoto

Immagine
Hiroshi Matsumoto - July 2012_1_2012

Jorge Amado

Immagine
Il 10 agosto 1912, nasce nel distretto di Itabuna il romanziere brasiliano Jorge Amado


Vadinho, il primo marito di dona Flor, morì a Carnevale, una domenica mattina, mentre ballava un samba vestito da baiana in Largo 2 Luglio, non lontano da casa sua.
(Donna Flor e i suoi due mariti)

Buonanotte del 9 agosto 2016

Mai più". Il sentimentalismo che queste due parole portano con sé e la sensazione che limitino le cose che verranno, me le rende antipatiche. Tuttavia mi si erano affacciate alla mente con un’autorità e una cupezza la cui forza non sarebbe stato facile dimenticare.
— Banana Yoshimoto, Kitchen

Parla, ricordo

La culla dondola sopra un abisso e il buonsenso ci dice che la nostra esistenza è solo un breve spiraglio di luce tra due eternità fatte di tenebra. Sebbene siano una coppia gemelli assolutamente identici, l'uomo, di regola, guarda all'abisso prenatale con più calma rispetto a quello verso cui è diretto (a circa quattrocentocinquanta battiti cardiaci l'ora). […] La natura si aspetta che l'adulto accetti i due neri nulla, a prua e a poppa, con la stessa imperturbabilità con cui egli accetta le straordinarie visioni intermedie. L'immaginazione, delizia suprema dell'immortale e dell'immaturo, andrebbe tenuta a freno. Per goderci la vita, non dovremmo godercela troppo. A un tale stato di cose io mi ribello. Sento l'impulso di portare la ribellione all'esterno e di fare un picchettaggio nei confronti della natura. La mia mente ha fatto sforzi immani e reiterati per scorgere i più fiochi barlumi personali nelle tenebre impersonali che si estendono alle d…

Tommaso Landolfi

Immagine
Il 9 agosto del 1908, nasce a Pico, Tommaso Landolfi


E finalmente intesi che né dai suoi occhi né dalle sue parole, né da qualsivoglia mia sagace osservazione, avrei cavato alcunché la risposta non era in lei, ma in me stesso... Cosa dovevo fare: davvero scacciare questa donna lontano da me? O accettarla, con tutta la sua carica di insicuro, di malsicuro, di irrisolto?
(A caso)

Buonanotte del 8 agosto 2016

Non si guarisce mai da ciò che ci manca, ci si adatta, ci si racconta altre verità.

— Mazzantini

Marianne Golz-Goldlust

Immagine
L' 8 ottobre del 1943, muore a Praga, ghigliottinata dai nazisti, Marianne Golz-Goldlust


La sofferenza degli altri diventa subito la mia sofferenza.
(M.G.G. da Il grande giorno)

Buonanotte del 7 agosto 2016

Eppure bisognerebbe proprio che ogni uomo avesse almeno un posto dove andare. Poiché c’è un momento in cui bisogna andare assolutamente da qualche parte.
— Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo

Gala

Invece di rendermi duro, come la vita in realtà aveva progettato, Gala riuscì a costruirmi un guscio che proteggeva la sensibile nudità del paguro bernardo che vi era insediato, cioè io stesso, sicché mentre io esternamente acquistavo sempre più l'aspetto di una fortezza internamente potevo continuare a invecchiare molle, ipermolle. E il giorno in cui decisi di dipingere orologi li dipinsi molli. Accadde una sera che mi sentivo stanco e avevo un leggero mal di testa, il che mi succede alquanto raramente. Volevamo andare al cinema con alcuni amici e invece, all'ultimo momento, io decisi di rimanere a casa. Gala però uscì ugualmente mentre io pensavo di andare subito a letto. A completamento della cena avevamo mangiato un Camembert molto forte e, dopo che tutti se ne furono andati, io rimasi ancora a lungo seduto a tavola, a meditare sul problema filosofico della “ipermollezza” di quel formaggio. Mi alzai, andai nel mio atelier e, com'è mia abitudine, accesi la luce per get…

Giuseppe Dessì

Immagine
Il 7 agosto del 1909, nasce a Villacidro (Cagliari) Giuseppe Dessì


Quando si parlò e si discusse per la prima volta del monumento, Mariangela Eca non ne ebbe nemmeno sentore. I suoi due ragazzi erano morti da più di quattro anni, ma per lei era come se quel tempo non fosse passato.
(Il disertore, Premio Bagutta 1962)

Buonanotte del 6 agosto 2016

Innamorarsi è raro, ma non difficile. La vera impresa è conservare quel sogno d'amore anche dopo la sua trasformazione in realtà. Perché se incontrarsi resta una magia, è non perdersi la vera favola. Le persone cambiano e col tempo non si corrispondono più. Per rimanere insieme bisogna avere la forza e la pazienza di cambiare insieme.
— Massimo Gramellimi

Mark Strand

Immagine
Nevicata

Se guardi la neve che scende a coprire
la terra,
coprire se stessa e tutto ciò che tu
non sei, vedrai
che è la deriva gravitazionale della luce
sul rumore dell’aria che cancella l’aria
è il cadere dell’attimo nell’attimo,
la sepoltura
del sonno, il rovescio dell’inverno, il
negativo della notte.

Buonanotte del 5 agosto 2016

L'uomo coltiva la propria infelicità per avere il gusto di combatterla a piccole dosi. Essere sempre infelici, ma non troppo, è condizione sine qua non di piccole e intermittenti felicità.
— Eugenio Montale (1896 – 1981) - Il volo dello sparviero, in Farfalla di Dinard

Perché leggere i classici

Oggi un'educazione classica come quella di Leopardi è impensabile, e soprattutto la biblioteca del conte Monaldo è esplosa. I vecchi titoli sono stati decimati ma i nuovi sono moltiplicati proliferando in tutte le letterature e le culture moderne. Non resta che inventarci ognuno una biblioteca ideale dei nostri classici; e direi che essa dovrebbe comprendere per metà libri che abbiamo letto e che hanno contato per noi, e per metà libri che ci proponiamo di leggere e presupponiamo possano contare. Lasciando una sezione di posti vuoti per le sorprese, le scoperte occasionali. M'accorgo che Leopardi è il solo nome della letteratura italiana che ho citato. Effetto dell'esplosione della biblioteca. Ora dovrei riscrivere tutto l'articolo facendo risultar ben chiaro che i classici servono a capire chi siamo e dove siamo arrivati e perciò gli italiani sono indispensabili proprio per confrontarli agli stranieri e gli stranieri sono indispensabili proprio per confrontarli agli …

Piero Bargellini

Immagine
Il 5 agosto del 1897, nasce a Firenze Piero Bargellini


Questo libro lo dovevo scrivere. Bisognava che lo scrivessi. Non ne potevo fare a meno. Lo richiedevo a me stesso e me lo richiedevano gli altri. Era il libro, che avrei voluto trovare già scritto allorché incominciò il mio invaghimento per Firenze.
(La splendida storia di Firenze)

Buonanotte del 4 agosto 2016

Ma la vita non è mai un materiale, una sostanza. La vita, se volete saperlo, è un elemento che continuamente si rinnova e rielabora da sé, che da sé si rifà e si ricrea incessantemente, sempre tanto più alta di tutte le nostre ottuse teorie.
— Boris Pasternak, Il dottor Živago

Hurvin Anderson

Immagine
Hurvin Anderson, Phosphorescent, 2013

Percy Bysshe Shelley

Immagine
Il 4 agosto del 1792 nasce a Field Place (Sussex) Percy Bysshe Shelley


Per quanto il suono dòmini, tu canta e canta ancora, con la cara voce rivela gli accenti di un mondo lontano dal nostro, dove la musica e il chiaro della luna e il sentimento sono una cosa sola.
(A Jane - "Occhieggiavano intense le stelle)

Buonanotte del 3 agosto 2016

Credo nel mistero e nella malinconia di una mano, nella gentilezza degli alberi, nella saggezza della luce.
— J.G.Ballard

Sophie Gironde

Finalmente mi resi conto che in quella nostra impresa c'era qualcosa che non funzionava, proprio come era successo l'ultima volta, ventidue anni prima, e come spesso accadeva quando Sophie Gironde m'invitava a condividere un momento di complicità. Qualcosa rendeva irreale la realtà che stavamo vivendo insieme. Era il numero di cuccioli estratti dal ventre delle madri. Le orse polari di solito danno alla luce due o tre cuccioli, in ogni caso mai più di tre. Ora ne avevamo attorno già dieci o undici, e forse anche tredici o quattordici, poiché nella penombra e nel disordine era diventato difficile tenere il conto esatto. E Sophie Gironde stava di nuovo per mettersi all'opera sulla terza orsa. Le confidai i miei dubbi. Non so perché, mi esprimevo ricorrendo a giri di frasi e a parole che mi erano estranee, dicevo incerata anziché telo, dissertavo sulle partorienti con voce biascicante. Lei mi lanciò un'occhiata di sbieco, ma non rispose nulla. Si vedeva chiaramente c…

Luciano Erba

Immagine
Il 3 agosto 2010, muore a Milano Luciano Erba
Ritorna a volte il sogno in cui mi avviene di manovrare un tram senza rotaie tra campi di patate e fichi verdi nel coltivato le ruote non sprofondano schivo spaventapasseri e capanni vado incontro a settembre, verso ottobre i passeggeri sono i miei defunti. [...]
(Il tranvuere metafisico, Premio Bagutta 1988)

Buonanotte del 2 agosto 2016

Prima di tutto mi disse che cercare risposte dagli altri è come calzarsi al piede una scarpa d’altri, che le risposte uno se le deve dare da sé, su misura. Quelle degli altri sono scarpe scomode.
— Erri De Luca

Buonanotte del 1 agosto 2016

Quando siamo troppo allegri, in realtà siamo infelici. Quando parliamo troppo, in realtà siamo a disagio. Quando urliamo, in realtà abbiamo paura. In realtà, la realtà non è quasi mai come appare. Nei silenzi, negli equilibri, nelle “continenze” si trovano la vera realtà e la vera forza.
— Virginia Woolf

Le porte della percezione

Ogni individuo è, nello stesso tempo, il beneficiario e la vittima della tradizione linguistica nella quale è nato. Il beneficiario in quanto gli dà accesso ai ricordi accumulati dalla esperienza degli altri; la vittima in quanto lo conferma nella convinzione che la ridotta consapevolezza sia la sola consapevolezza e perché stuzzica il suo senso della realtà, in modo che egli è fin troppo pronto a prendere i suoi concetti per dati, le sue parole per cose vere. Quello che, nel linguaggio religioso, è chiamato “questo mondo” è l'universo della ridotta consapevolezza, espresso e, per così dire, pietrificato dal linguaggio.
— Aldous Huxley

Etichette

Mostra di più