16 settembre 2015

Ci sono

Ci sono molte cose di cui non comprendiamo l'inutilità se non quando cominciano a mancarci. Noi le usavamo non perché fossero necessarie, ma perché le avevamo. Quante cose ci procuriamo solo perché vediamo che altri se le sono procurate e ormai ce l'hanno tutti! Una delle cause delle nostre miserie è che noi viviamo seguendo l'esempio altrui e, invece di regolarci secondo ragione, ci lasciamo trascinare dalla consuetudine. Se fossero pochi a fare una cosa, noi non avremmo voglia di imitarli; ma una volta che s'è generalizzata una moda, la seguiamo, nella convinzione che una cosa diventi onorevole se è fatta da molte persone. Così per noi l'errore prende il posto dell'azione retta quando è diventato l'errore di tutti.

— Seneca, Lettere a Lucilio, traduzione di Giuseppe Monti, Milano, BUR 2014, p. 1051

0 commenti:

Posta un commento