24 gennaio 2016

Musica

La musica sovente mi rapisce come un mare!
Verso la mia pallida stella, sotto una vòlta di nebbia o in un vasto etere, metto a la vela; col petto in avanti ed i polmoni gonfi come vele, scavalco il dosso dei flutti accavallati che la notte mi nasconde; sento vibrare in me tutte le agitazioni d'un naviglio che soffre il vento in favore, la tempesta e le sue convulsioni mi cullano su l'immenso abisso. Altre volte, completa bonaccia, immenso specchio della mia disperazione

— Tratto da “I fiori del male” LXIX La musica - Charles Baudelaire

0 commenti:

Posta un commento